Vorrei | Rivista non profit

Dal 2008 rivista non profit di cultura, ambiente e politica. Senza pubblicità.

Comunicati stampa

Attenzione. I materiali pubblicati in questa pagina non sono prodotti da Vorrei.
Vengono pubblicati su richiesta dei mittenti i quali se ne assumono ogni resposabilità.
Inviate i vostri comunicati a: info@vorrei.org

Print Friendly, PDF & Email

TARI: il Comune di Lissone calcola in modo corretto

Con riferimento alle problematiche inerenti il calcolo della TARI – Tassa sui Rifiuti, emerse nei giorni scorsi in alcuni Comuni Italiani ed inerenti l’applicazione della quota variabile anche sulle pertinenze delle abitazioni, il Comune di Lissone precisa che il calcolo è stato correttamente effettuato, per ogni abitazione e relative pertinenze la quota variabile viene calcolata e versata solo una volta, di conseguenza Lissone non rientra tra i Comuni italiani chiamati ad effettuare i rimborsi, come indicato sugli organi di stampa.  A questo proposito è necessario considerare che il vigente regolamento IUC, nella sezione relativa alla TARI, come approvato dal Comune nell’anno 2014, contiene la seguente esplicita disposizione all’art. 32 comma 8: “Le utenze domestiche, intestate a soggetti residenti nel Comune, costituite da garages, cantine o locali accessori e pertinenziali a quelli ad uso abitativo, anche se ubicati ad indirizzo diverso da quello dell’abitazione, sono soggette soltanto alla quota fissa della TARI, in quanto la quota variabile è già corrisposta per i locali di abitazione e non sono conteggiate ai fini della determinazione della predetta quota variabile”. Si precisa, infine, che la stessa disposizione era già prevista per la TARES nell’anno 2013 (articolo 15, comma 8 del regolamento).

Lissone, 15 Novembre 2017