Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Vorrei | Rivista non profit

Dal 2008 rivista non profit di cultura, ambiente e politica. Senza pubblicità.

Comunicati stampa

Attenzione. I materiali pubblicati in questa pagina non sono prodotti da Vorrei.
Vengono pubblicati su richiesta dei mittenti i quali se ne assumono ogni resposabilità.
Inviate i vostri comunicati a: info@vorrei.org

Print Friendly, PDF & Email

CANALI, M5S: NUOVI ATTI PARLAMENTARI E ATTENZIONE ALTA SULLA VICENDA DEI LICENZIAMENTI

Roma, 23 novembre 2017 – “Come M5S abbiamo richiesto con urgenza risposta alla nostra interrogazione sulle lavoratrici della Canali che settimana prossima il Ministro del Lavoro ci darà”. Ad annunciarlo, il deputato del M5S, Davide Tripiedi, che sta seguendo da vicino la vicenda delle 134 lavoratrici in procinto di essere licenziate dallo stabilimento di Carate Brianza.

“Non c’è più tempo da perdere” – avvisa il deputato pentastellato che dopo aver organizzato ed ottenuto l’incontro con la Presidente della Camera, Laura Boldrini, continua a mantenere alta l’attenzione sulla vicenda.

“Sperando che il Governo dia risposte positive alle nostre richieste di salvare tutte le lavoratrici che hanno ricevuto la lettera di licenziamento collettivo, noi continueremo come sempre a fare tutto quanto è nelle nostre possibilità di parlamentari. A breve, con i miei colleghi del M5S alla Camera, presenteremo anche una risoluzione chiedendo impegni precisi al Governo”.

E’ notizia di questi giorni che i rappresentanti del Ministero dello Sviluppo Economico abbiano esplicitamente chiesto di parlare con la famiglia Canali, titolare dell’azienda, senza ricevere alcuna risposta.

“Non ci sorprende questo genere di atteggiamento già visto in numerose altre situazioni simili. Come al solito facciamo in questi casi, noi non arretriamo di un millimetro. La Canali di Carate Brianza non deve chiudere!”