Vorrei | Rivista non profit

Dal 2008 rivista non profit di cultura, ambiente e politica. Senza pubblicità.

Comunicati stampa

Attenzione. I materiali pubblicati in questa pagina non sono prodotti da Vorrei.
Vengono pubblicati su richiesta dei mittenti i quali se ne assumono ogni resposabilità.
Inviate i vostri comunicati a: info@vorrei.org

Nuovi spazi per gli alunni della scuola «De Amicis»: realizzato un laboratorio nell’ex alloggio del custode

Una nuova aula adibita a laboratorio didattico, dove gli studenti potranno provare “sul campo” le basi teoriche studiate sui libri.

Si è concluso nelle scorse ore l’intervento all’interno della scuola «De Amicis» di Santa Margherita che ha permesso di dotare il plesso di ulteriori spazi in cui far lezione. La conclusione del progetto ha permesso di ristrutturare completamente una parte dei locali della scuola secondaria.

L’ampliamento è consistito nella riconversione dell’attuale alloggio del custode, ormai in disuso, dal quale è stata ricavata una nuova aula adibita a laboratorio didattico.

L’esigenza di una nuova aula adibita a laboratorio era particolarmente sentita dal Dirigente scolastico e dal Corpo docente che all’Amministrazione Comunale avevano chiesto di poter risolvere la cronica carenza di spazi dovuti all’incremento di alunni all’interno del plesso. Il laboratorio didattico, dotato di lavandini, potrà essere utilizzato per attività artistiche e manuali

L’intervento ha previsto anche la creazione di un’ulteriore aula, separata dal laboratorio tramite parete mobile, e un nuovo bagno accessibile ai diversamente abili. I lavori hanno poi integrato la risistemazione delle due aulette adiacenti, attualmente già utilizzate come aule di sostegno. È stato infine ricavato un piccolo vano per alloggiamento della nuova caldaia, accessibile dall’esterno e separato dalle aule tramite muratura.

Al termine degli interventi, sono recuperati spazi nella scuola De Amicis per un totale di 41 alunni.

L’intervento nel plesso “De Amicis” ha avuto un costo di circa 138.000 euro.

“L’esigenza della scuola era quella di avere spazi in più a disposizione degli scolari - dichiara Marino Nava, assessore alla Città Vivibile - vi era un immobile vuoto e inutilizzato, siamo intervenuti con un’operazione di riqualificazione centrando l’obiettivo prefissato di dotare la struttura di un nuovo”.

Lissone, 18 Dicembre 2017

Iscriviti alla newsletter
Iscriviti gratis alla nostra newsletter per ricevere gli aggiornamenti e le novità sugli articoli e le iniziative di Vorrei

Per iscriverti devi accettare i nostri termini di utilizzo dei tuoi dati, ovvero la nostra politica riguardo la privacy. Non li cediamo a nessuno e non abusiamo mai! :)