Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Vorrei | Rivista non profit

Dal 2008 rivista non profit di cultura, ambiente e politica. Senza pubblicità.

Comunicati stampa

Attenzione. I materiali pubblicati in questa pagina non sono prodotti da Vorrei.
Vengono pubblicati su richiesta dei mittenti i quali se ne assumono ogni resposabilità.
Inviate i vostri comunicati a: info@vorrei.org

Print Friendly, PDF & Email

Lissone rinnova l’adesione ad «Avviso Pubblico contro le mafie»

Con delibera di Giunta di mercoledì 10 gennaio, l’Amministrazione Comunale di Lissone ha rinnovato l’adesione all’associazione "Avviso Pubblico – Enti Locali e Regioni per la Formazione Civile contro le mafie".

Dopo avervi aderito già nel 2012 approvando gli scopi che l'Associazione si prefigge, il sindaco Concettina Monguzzi ha confermato la volontà dell’esecutivo di proseguire nella collaborazione anche nel 2018, confermando il versamento della quota associativa di mille euro annui.

L’impegno del Comune sul territorio si tradurrà nella formazione civile contro le mafie e nella promozione della legalità, alla luce del fatto che “le mafie non sono solo un problema di ordine pubblico, né costituiscono un pericolo solo per le regioni meridionali - come specificato nella delibera di Giunta - Rappresentano la più forte insidia alla convivenza civile, alla saldezza e alla credibilità delle istituzioni democratiche, al corretto funzionamento dell'economia. Impediscono lo sviluppo della democrazia e il pieno esercizio dei diritti dei cittadini”.

Avviso Pubblico è un’associazione di Enti locali e Regioni per la formazione civile contro le mafie, nata nel 1996 per collegare gli amministratori che promuovono la cultura della legalità democratica nella politica e nella pubblica amministrazione. Avviso Pubblico collabora con Libera per la realizzazione della Giornata della Memoria.

“L'influenza delle organizzazioni criminali non è più limitata alle tradizionali zone d'insediamento – specifica la Delibera di Giunta - le enormi fortune acquisite con il traffico della droga vengono reinvestite nei circuiti finanziari e penetrano nell'economia legale, nuove attività criminali danno vita ad un vorticoso giro d'affari, si stringono patti perversi con ogni forma di potere occulto e con il sistema della corruzione”.

Lissone, 12 Gennaio 2018

 

Iscriviti alla newsletter
Iscriviti gratis alla nostra newsletter per ricevere gli aggiornamenti e le novità sugli articoli e le iniziative di Vorrei

Per iscriverti devi accettare i nostri termini di utilizzo dei tuoi dati, ovvero la nostra politica riguardo la privacy. Non li cediamo a nessuno e non abusiamo mai! :)