Vorrei | Rivista non profit

Dal 2008 rivista non profit di cultura, ambiente e politica. Senza pubblicità.

Comunicati stampa

Attenzione. I materiali pubblicati in questa pagina non sono prodotti da Vorrei.
Vengono pubblicati su richiesta dei mittenti i quali se ne assumono ogni resposabilità.
Inviate i vostri comunicati a: info@vorrei.org

Print Friendly, PDF & Email

Monza è una città assediata dai centri commerciali In arrivo un’altra nuova struttura alla Taccona in una zona già molto congestionata per traffico e smog

E’ di pochi giorni fa la notizia del via libera al triplicamento del centro commerciale di Cinisello Bettola, ed ecco in arrivo un altro nuovo insediamento alla Taccona di Muggiò, al confine ovest con Monza. La nostra città è ormai assediata da questo tipo di megastrutture che determinano tra l’altro un aumento della congestione stradale e dell’inquinamento. Il nuovo centro commerciale è previsto in coincidenza con l’ingresso della Tangenziale Nord e le vie De Amicis e Foscolo, là dove c’è l’innesto di via della Taccona che si collega a Monza. Si tratta di una superficie complessiva edificabile di quasi 10mila metri quadrati, dei quali 2mila e 500 dedicati da subito al centro commerciale, mentre il resto è al momento indicato come uffici e magazzini. Ma per il futuro è già prevista una possibile espansione degli spazi commerciali sino a 5mila mq. Nonostante questo, il numero dei parcheggi appare piuttosto esiguo. Come tutti sanno, il carico di traffico su via della Taccona e sullo svincolo della A52 è notevole ed è da tempo oggetto di proteste da parte dei residenti. Di recente Muggiò si è lamentata di questa situazione con Monza, incredibilmente proprio mentre stava approvando il piano per il nuovo centro commerciale. Sull’area interessata dalla lottizzazione passa anche una linea elettrica ad alta tensione. Il progetto approvato dal Comune di Muggiò prevede nuovi tralicci più alti, in modo che si possa costruire sotto i cavi. Uno di questi piloni sarà da 55 metri (come un palazzo di 18 piani). Un forte impatto visivo e una scelta discutibile, visto che – in casi simili – ormai ovunque si procede all’interramento delle linee per minimizzare i campi elettromagnetici potenzialmente nocivi. Ricordiamo che da gennaio 2018 l’Associazione HQMonza e il Comitato San Fruttuoso sono due organismi autonomi (con portavoce proprio), l’associazione è impegnata su temi cittadini e di area, il comitato sulle questioni propriamente del quartiere.

Questo è un comunicato dell’Associazione HQMonza.

Su Vorrei.org utilizziamo i cookie perché ci aiutano a migliorare la rivista. Se continui a leggere dichiari di aver capito. Va bene?