Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Vorrei | Rivista non profit


Comunicati stampa

Attenzione. I materiali pubblicati in questa pagina non sono prodotti da Vorrei.
Vengono pubblicati su richiesta dei mittenti i quali se ne assumono ogni resposabilità.
Inviate i vostri comunicati a: info@vorrei.org

Print Friendly, PDF & Email

Alberi morti, cespugli scomparsi, calcestre a pezzi: il verde di viale Lombardia ha urgenza di interventi mentre ancora aspettiamo il parco promesso

Tutti gli anni a primavera emergono con chiarezza i problemi sullo stato del verde lungo viale Lombardia, dove urgono alcune manutenzioni e ripristini. Ci sono una decina di alberi morti, da sostituire, e altri che appaiono in condizioni di forte sofferenza, quindi da curare. Le piante nuove necessarie potrebbero essere ricavate dai polloni presenti su diversi tronchi, crescite che andrebbero in ogni caso tagliate per favorire lo sviluppo della chioma. Da ripiantare, in alcuni casi, anche cespugli e graminacee, morti o scomparsi. Discorso a parte riguarda i tutori, cioè i sostegni di legno messi intorno agli alberi per aiutarli a crescere correttamente. Sarebbe ormai ora di rimuoverli, perché altrimenti rischiano di danneggiare le essenze. Una volta tolti, al piede degli alberi posti lungo i marciapiedi andrebbero posate le belle griglie di ghisa previste, che ci risulta siano state consegnate a suo tempo da Anas all’Ufficio Giardini del Comune. Infine, richiede ormai con urgenza una manutenzione la pista in calcestre realizzata sul lato ovest del viale: in diversi punti il granulato superficiale è mancante e in altri punti l’erba sta letteralmente divorando il tracciato. Dice Andrea Seggioli, portavoce del Comitato San Fruttuoso: “Il verde di viale Lombardia appare mediamente meglio tenuto rispetto ad altre zone in città, ma non abbastanza. E’ stato progettato da esperti di alto livello ed è stato supervisionato dall’architetto paesaggista Kipar. Manutenerlo come si deve significa conservare un valore ambientale. I cittadini attendono poi che venga integrato con il recupero a verde dell’area davanti al “Castello” di via Taccona, per costituire il parco urbano previsto da Kipar, promesso dal Comune e inserito nel PGT”.