Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Vorrei | Rivista non profit

Dal 2008 rivista non profit di cultura, ambiente e politica. Senza pubblicità.

Comunicati stampa

Attenzione. I materiali pubblicati in questa pagina non sono prodotti da Vorrei.
Vengono pubblicati su richiesta dei mittenti i quali se ne assumono ogni resposabilità.
Inviate i vostri comunicati a: info@vorrei.org

Print Friendly, PDF & Email

UN TUFFO NEL PASSATO,  ALL’ORIGINE DELLA CANZONE,  PER CELEBRARE UNO DEI SUOI PIÙ GRANDI PROTAGONISTI: MARIO PANZERI, AUTORE (E BOLLATESE D’ADOZIONE).

La trentesima edizione del Festival di Villa Arconati, nel suo ripensare il proprio percorso, inizia eccezionalmente dalla piazza di Bollate, cittadina che, ospitando territorialmente la Villa, nel 1989 ne fece la sede del Festival.

Una grande anteprima gratuita, che ricorderà il grande paroliere e compositore Mario Panzeri, vissuto a Bollate per quasi 30 anni, attraverso alcune delle sue canzoni più popolari e amate, come: “Grazie dei fiori” (vincitrice del primo Festival di Sanremo), “Maramao perché sei morto?”, “Pippo non lo sa”, “Papaveri e papere”, “Casetta in Canadà”, “Lettera a Pinocchio”, “Nessuno mi può giudicare”, “Fin che la barca va” e molte altre.

Intorno a questi brani, non mancarono, per quei tempi storici, tensioni, sospetti e diffide. Mentre nel 1939 la canzone “Maramao perché sei morto?” diventava un grande successo, Panzeri fu convocato nell’ufficio della Censura perché la canzone in questione era considerata una delle cosiddette canzoni di fronda, ossia canzoni in cui, in maniera non esplicita e con varie allusioni, si attaccavano alcune delle figure di primo piano del regime.

Stessa sorte anche in seguito, per “Pippo non lo sa” e poi, di nuovo, per “Il tamburo della Banda d’Affori”.

Anche “Papaveri e papere”, insieme a un altro grande successo del paroliere, “Casetta in Canadà”, portarono Panzeri a essere guardato con sospetto, questa volta dai simpatizzanti del socialismo reale che riscontravano, nelle due canzoni, varie e ironiche allusioni alla situazione politica.

Mario Panzeri non rallentò per questo la sua produzione, anzi ebbe ancora successo nell’ambito perfino dello “Zecchino d’Oro”, con “Lettera a Pinocchio” che si staccò ben presto dal mondo dell’infanzia, cui inizialmente era rivolta, per diventare un trionfo popolare e internazionale grazie a Johnny Dorelli e a Bing Crosby.

Il concerto tributo sarà eseguito dalla Monday Orchestra, diretta da Luca Missiti.

Ospite solista: Paolo Tomelleri.

Una produzione originale di Bollate Jazz Meeting per la 30° edizione del Festival di Villa Arconati.

Da un’idea di Paolo Nizzola e Giordano Minora.

DOMENICA 01 LUGLIO - Ore 21 - Bollate, Piazza C. A. Dalla Chiesa - “Cantun Sciatin”

                                                                                                           

INGRESSO LIBERO

 

Iscriviti alla newsletter
Iscriviti gratis alla nostra newsletter per ricevere gli aggiornamenti e le novità sugli articoli e le iniziative di Vorrei

Per iscriverti devi accettare i nostri termini di utilizzo dei tuoi dati, ovvero la nostra politica riguardo la privacy. Non li cediamo a nessuno e non abusiamo mai! :)