Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Vorrei | Rivista non profit


Comunicati stampa

Attenzione. I materiali pubblicati in questa pagina non sono prodotti da Vorrei.
Vengono pubblicati su richiesta dei mittenti i quali se ne assumono ogni resposabilità.
Inviate i vostri comunicati a: info@vorrei.org

Print Friendly, PDF & Email

Nasce il “Monza Pink Network”: iniziative in rosa in città

Monza, 24 settembre 2018. Partirà con gli appuntamenti di “Ottobre in rosa” il ricco calendario di iniziative elaborato dal Tavolo delle Pari Opportunità del Comune di Monza: un panel variegato di proposte formulato da 34 enti tra associazioni, fondazioni, sindacati, e ordini professionaliche condividono la mission della promozione delle pari opportunità.

Il network. Il Monza Pink Network - presentato questa mattina in Comune alla presenza del Sindaco Dario Allevi e dell’Assessore alle Pari OpportunitàMartina Sassoli -  valorizza la ricca presenza di associazioni femminili e organismi che da anni lavorano sul fronte delle pari opportunità sul nostro territorio, ne raccoglie il contributo, l’esperienza e le competenze.

Uno dei primi step è la creazione e l’allestimento di un hub fisico che dal mese di novembre sarà a disposizione delle donne e per le donne presso il centro civico San Carlo - San Giuseppe di Via Silva: un luogo di formazione, aggregazione, co-working e scambio, scelto tra gli altri poiché all’interno di questo centro ha sede anche un progetto di sviluppo dell’imprenditorialità giovanile, Silva 26, che potrà collaborare al network in rosa portando il know-how maturato negli ultimi anni.

Work, care, cultureAd oggi le attività del network sono declinate in tre diversi gruppi di lavoro, suddivisi per aree tematiche:

-      pink network work: donne e lavoro;

-      pink network care: donne cura e salute;

-        pink network culture: donne e cultura;

pink network work

L’azione prevede la creazione di una rete fisica oltre che virtuale di donne (pinkers) accomunate dal desiderio di rientrare nel mondo del lavoro a seguito di una maternità. La rete intende offrire  un luogo fisico dove scoprire/riscoprire e valorizzare le proprie competenze attraverso il supporto e l’orientamento offerto da una rete di professioniste afferenti a svariate aree professionali (giuridico-fiscale-sociale etc.) le quali, mediante il confronto, possono sostenersi reciprocamente nella ricerca del lavoro, anche attraverso la valorizzazione delle proprie passioni trasformandole in potenzialità spendibili nel mercato del lavoro.

pink network care

L’azione prevede di offrire alla donna e al caregiver che si occupa del lavoro di cura degli anziani, strumenti di conoscenza idonei a individuare in modo consapevole le necessità di invecchiamento della persona anziana sia nel suo insorgere che nella sua evoluzione, mettendo in atto azioni concrete di cura, sia direttamente sia avvalendosi dell’aiuto di professionalità esterne idonee. L’obiettivo è garantire percorsi professionalizzanti per donne atti a fornire gli strumenti idonei e adeguati alla cura dell’anziano, oggi spesso improvvisata e sottovalutata, garantendo così al caregiver anche la possibilità di continuare ad occuparsi con minore difficoltà della propria formazione e realizzazione anche in ambito lavorativo.

pink network culture

L’azione muove dalla necessità di colmare l’inadeguato uso delle tecnologie digitali per promuovere le possibilità di crescita personale e professionale, e migliorare la propria occupabilità. L’azione si propone di sviluppare le seguenti competenze:

- capacità di re-inventare una professionalità con i social e diventare un opinion leader sul mercato;

- possibilità di rientrare nel mondo del lavoro in modo creativo e flessibile, far crescere la professionalità o il business con un blog professionale;

- sviluppare le strategie per migliorare la percezione del sé e del proprio ruolo, per possibilità di crescita professionale o supporto al proprio business;

- sviluppare le tecniche e le strategie per evitare che i social non si trasformino in una trappola mediatica ma in una opportunità di crescita della percezione del sé e del proprio ruolo, in un’ottica di empowrment femminile.