Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Vorrei | Rivista non profit


Comunicati stampa

Attenzione. I materiali pubblicati in questa pagina non sono prodotti da Vorrei.
Vengono pubblicati su richiesta dei mittenti i quali se ne assumono ogni resposabilità.
Inviate i vostri comunicati a: info@vorrei.org

Print Friendly, PDF & Email

A LAZZATE LA TARIFFA RIFIUTI 2018 PER LE FAMIGLIE E’ AUMENTATA DEL 25%

Le scriventi OO.SS CGIL CISL UIL e Pensionati di Monza Brianza, intendono chiarire, rispetto alle affermazioni comparse sulla stampa e sui social network, la propria posizione riguardo al contenuto dei manifesti affissi in Lazzate, inerenti l’aumento per i cittadini della TARI. Si sono infatti rivolti ai nostri sportelli cittadini iscritti al sindacato con il supporto cartaceo delle fatture emesse nel 2018 ed anche quelle del 2017. In queste fatture, relative ad utenze per uso domestico (vedi foto), risulta evidente che la tariffa applicata, sia per la quota fissa che per la quota variabile, subisce un aumento che, come abbiamo sottolineato nei nostri manifesti, risulta nella media pari al 25% in più per le famiglie.

L’amministrazione comunale, nelle sue risposte, si riferisce ad un aumento della TARI come conseguenza di una “sentenza” dello scorso anno che ha corretto l’interpretazione sull’applicazione della norma che ha riguardato diversi Comuni, tra cui Lazzate. Va precisato, intanto, che non si tratta di una sentenza, ma di una circolare del MEF. A suo tempo, le organizzazioni sindacali avevano chiesto a tutti i comuni se erano in linea con quanto indicato dalla circolare. La stragrande maggioranza dei Comuni brianzoli, di tutti i colori politici, aveva risposto di buon grado alla richiesta anche instaurando un positivo confronto. Purtroppo, ciò non è accaduto con la Giunta di Lazzate.

Il ruolo del Sindacato è, tra l’altro, quello di proporre annualmente a tutti i Comuni alcune linee per tenere in considerazione le necessità dei cittadini rispetto ai servizi erogati. Siamo convinti che le tariffe debbano essere spalmate equamente e modulate progressivamente per tutelare le fasce più fragili. La Giunta di Lazzate non ha mai voluto un libero confronto rispetto alle nostre proposte per la definizione condivisa di iniziative e strumenti utili a realizzare obiettivi di miglioramento della qualità della vita, della solidarietà e della coesione della comunità.

Il Sindacato si impegna in generale ed anche in questo Comune, per rappresentare gli iscritti e non intende svolgere un ruolo politico. Rispetto alla professionalità delle OO.SS inerenti pratiche e diritti importanti sulla previdenza,  fiscalità, siamo operatori riconosciuti come altamente qualificati. Invitiamo tutti ad informarsi sui nostri siti web o agli sportelli dei nostri volontari.

PS: se i nostri manifesti sono stati affissi dagli addetti ai lavori in spazi non idonei, rimaniamo in attesa di sapere se sussistano le condizioni di mora per le affissioni e di quanto ammonti la sanzione per l’infrazione.