Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Vorrei | Rivista non profit


Comunicati stampa

Attenzione. I materiali pubblicati in questa pagina non sono prodotti da Vorrei.
Vengono pubblicati su richiesta dei mittenti i quali se ne assumono ogni resposabilità.
Inviate i vostri comunicati a: info@vorrei.org

Print Friendly, PDF & Email

 

Monza città Bike-Friendly? Sì

allo studio una compagna di sensibilizzazione in collaborazione con ANACI  

 

Monza, 11 ottobre 2018. “Monza può diventare una città sempre più Bike Friendly, sulla scorta delle sensibilità che si stanno sviluppando in particolare tra i più giovani, che chiedono città sempre più vivibili e godibili all’insegna del rispetto ambientale.”  

Così Martina Sassoli, Assessore all’Ambiente e alle Politiche del Territorio, annuncia la volontà di coinvolgere ANACI – l’Associazione degli Amministratori Condominiali - per avviare una campagna di sensibilizzazione mirata affinchè in città si sviluppino delle best-practice contagiose, in grado di fare da apripista: “Sarebbe un segnale importante a conferma di una coscienza civica matura”, spiega l’Assessore. 

Chiederemo un confronto con Anaci per condividere insieme una campagna di sensibilizzazione per individuare spazi ad hoc all’interno dei condomini da dedicare agli stalli per le bici, nel pieno rispetto della proprietà privata e qualora sia realmente possibile”. “E’ necessaria un’azione congiunta, tra amministratori pubblici, amministratori di condominio e società civile: un’operazione doverosa – continua Sassoli – che mira ad incentivare la mobilità sostenibile e stili di vita sempre più eco friendly”.

Così Sassoli chiarisce - anche con riferimento ai recenti articoli apparsi sulla stampa - che l’Amministrazione molto può fare sulle nuove edificazioni, così come previsto dal Piano delle Regole del Comune, il quale già impone la creazione di stalli ad hoc in tutti gli interventi di nuova costruzione o di ristrutturazione edilizia. Al contrario non è possibile agire sul patrimonio edilizio esistente, dove la destinazione degli spazi comuni resta di esclusiva competenza dei proprietari: l’obiettivo, pertanto, è sensibilizzare e laddove possibile, non vietare l’utilizzo degli spazi a chi vuole lasciare la bicicletta.