Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Vorrei | Rivista non profit

Dal 2008 rivista non profit di cultura, ambiente e politica. Senza pubblicità.

Comunicati stampa

Attenzione. I materiali pubblicati in questa pagina non sono prodotti da Vorrei.
Vengono pubblicati su richiesta dei mittenti i quali se ne assumono ogni resposabilità.
Inviate i vostri comunicati a: info@vorrei.org

Print Friendly, PDF & Email

Inizia il secondo ciclo di RIPENSIAMOCI - DOVE STA ANDANDO IL MONDO? Un incontro con Lorenzo Cremonesi. Dalle terre del medio oriente: civiltà, tragedie e futuro nel racconto di un inviato di guerra. 18 OTTOBRE , ORE 21 Binario 7 – Sala Picasso Via Turati 6/8, Monza Ingresso libero fino ad esaurimento posti

Dopo la seconda edizione del Festival del Parco di Monza promosso ed organizzato da Novaluna il 6 e 7 ottobre scorsi che ha richiesto un grande impegno da parte di tanti iscritti e simpatizzanti e ha suscitato interesse e ampi consensi , l’associazione prosegue la sua attività culturale in città con il secondo ciclo di Ripensiamoci – La forza della ragione nell’epoca della comunicazione globale : una serie di appuntamenti dedicati ad avviare e approfondire una riflessione sul tema Dove sta andando il mondo? Nel primo incontro il giornalista e inviato di guerra Lorenzo Cremonesi ci aiuterà a capire cosa sta succedendo in Medio Oriente, come si è giunti a queste situazioni e come possano proseguire in futuro; avvenimenti, scelte, scenari e ripercussioni politiche e sociali che si avranno in quella parte della terra e che, inevitabilmente, andranno ad incidere sul mondo intero, sul nostro mondo occidentale, sull’Europa e anche sul nostro stesso Paese. Nell’epoca della globalizzazione, dove tutto è collegato e dove siamo tutti connessi in modo veloce ma spesso confuso e con troppe, tante “verità”, una corretta informazione da parte di chi ha vissuto direttamente le vicende di una terra così ricca di storia e piena di complessità può aiutarci a capire meglio quello che è il nostro presente e ciò che sarà in futuro. Un successivo incontro con il giornalista Maurizio Molinari farà procedere la nostra riflessione, spostando l’attenzione sull’Europa, un’altra area del mondo in fase di grande trasformazione. Gli incontri con Cremonesi e Molinari saranno intervallati da due appuntamenti cinematografici, curati da Patrizia Canova a completamento del secondo ciclo di Ripensiamoci: due film “L’insulto” di Ziad Doueini e “Ogni cosa è illuminata” di Liev Schreiber. Informazioni sull’intero ciclo e sui singoli appuntamenti su www.novalunamonza.it

LORENZO CREMONESI Nasce a Milano nel 1957. È giornalista e segue, da oltre 25 anni, le vicende mediorientali. È stato prima collaboratore (dal 1984) e poi corrispondente (dal 1988 fino al 2001) da Gerusalemme per il Corriere della Sera. È del 1985 il suo libro Le origini del sionismo e la nascita del kibbutz (Giuntina). Dai primi anni Novanta ha iniziato a muoversi anche come inviato, dando voce a molti punti caldi del pianeta: Iraq, Libano, Afghanistan, Pakistan. La sua concezione del giornalismo è immersiva: “un vero reporter scrive solo stando immerso nel luogo ‘caldo’ dove i fatti accadono. Mangiare quel cibo, respirare quell’aria, parlare con la gente, anche in tempo di guerra, è l’unico modo per scriverne davvero. Internet e gli altri metodi di reperimento in remoto delle informazioni, quindi ‘non sul campo’, creano surrogati insipidi di realtà”. Nel 2003 è uscito il suo libro Bagdad Cafè. Interni di una guerra. Un reportage che racconta in presa diretta la vita quotidiana a Bagdad, prima, durante e dopo il conflitto. Settantacinque articoli - alcuni inediti - quasi tutti apparsi sul Corriere della Sera. Cremonesi infatti ha vissuto in prima persona la guerra in Iraq, dove è stato dal 2002 al 2005.

 

Iscriviti alla newsletter
Iscriviti gratis alla nostra newsletter per ricevere gli aggiornamenti e le novità sugli articoli e le iniziative di Vorrei

Per iscriverti devi accettare i nostri termini di utilizzo dei tuoi dati, ovvero la nostra politica riguardo la privacy. Non li cediamo a nessuno e non abusiamo mai! :)