Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Vorrei | Rivista non profit

Dal 2008 rivista non profit di cultura, ambiente e politica. Senza pubblicità.

Comunicati stampa

Attenzione. I materiali pubblicati in questa pagina non sono prodotti da Vorrei.
Vengono pubblicati su richiesta dei mittenti i quali se ne assumono ogni resposabilità.
Inviate i vostri comunicati a: info@vorrei.org

Print Friendly, PDF & Email

M5S Lombardia. Milano-Meda. Opera utile, avviare al più presto la riqualificazione

I portavoce regionali del M5S Lombardia Marco Fumagalli e Massimo De Rosa e il consigliere comunale Dario Pizzarelli di Cesano Maderno hanno incontrato l’Amministratore Unico di Infrastrutture Lombarde Giuliano Capetti  per prendere conoscenza dello studio di fattibilità del progetto di riqualificazione della Milano Meda dal tratto da Bovisio Masciago fino a Cormano. Lo studio commissionato nel 2016 è costato 58.000 euro, redatto da PRO ITER - ERREVIA - Milano Serravalle Engineering, e consegnato il 31 agosto 2018 a Regione Lombardia per la sua approvazione, prevede la riqualificazione e messa in sicurezza oltre alla previsione della terza corsia e svincoli tra Bovisio Masciago e Paderno Dugnano e due corsi oltre ad una terza “dinamica” per il tracciato tra Paderno Dugnano e Cormano. Il costo stimato è molto contenuto e ammonta a 115 milioni di euro di lavori oltre a 60 milioni per le opere extra tracciato a supporto degli svincoli e della viabilità ordinaria. “Il progetto è molto interessante e chiederò una audizione in commissione al fine di procedere alla sua approvazione in tempi brevi e prendendo l’impegno di spesa per l’affidamento a Infrastrutture Lombarde di tutte le altre fasi di progettazione per giungere all’affidamento dei lavori il prima possibile” dichiara Fumagalli aggiungendo che “chiederemo anche che vengano stanziati 100 mila euro per la redazione di uno studio di fattibilità anche per il tratto Meda fino a Bovisio, in modo da far capire che con la terza corsia la Pedemontana diventa assolutamente inutile”. Per De Rosa “la terza corsia da Bovisio a Paderno permette di raggiungere la Rho-Monza e la Tangenziale Nord in tempi brevi e ridurre il traffico. Il tratto da Paderno a Milano verrà solo riqualificato e messo in sicurezza per mancanza di spazi per una eventuale terza corsia. Il progetto qui sarà molto meno impattante, ma va necessariamente integrato con la celere riqualificazione della metrotranvia Milano-Limbiate e la progettazione della metropolitana fino a Paderno in modo da intercettare il traffico diretto a Milano da nord”. Il portavoce di Cesano Maderno Pizzarelli dichiara “che faremo degli eventi sul territorio per sensibilizzare affinché si arrivi al prima possibile all’avvio dei lavori” mentre per Fumagalli “Concessionaria Autostradele Lombarde ha sul conto corrente 80 milioni di euro erogati dal Ministero destinati a Pedemontana che è una pia illusione. Questi soldi devono essere messi subito a disposizione per Infrastrutture Lombarde per la riqualificazione della Milano Meda. Per rilanciare l’economia servono opere utili come la riqualificazione della Milano Meda. Chi persegue la realizzazione della Pedemontana è per garantire ai privati guadagni con i soldi pubblici”.

 

Iscriviti alla newsletter
Iscriviti gratis alla nostra newsletter per ricevere gli aggiornamenti e le novità sugli articoli e le iniziative di Vorrei

Per iscriverti devi accettare i nostri termini di utilizzo dei tuoi dati, ovvero la nostra politica riguardo la privacy. Non li cediamo a nessuno e non abusiamo mai! :)