Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Vorrei | Rivista non profit


Comunicati stampa

Attenzione. I materiali pubblicati in questa pagina non sono prodotti da Vorrei.
Vengono pubblicati su richiesta dei mittenti i quali se ne assumono ogni resposabilità.
Inviate i vostri comunicati a: info@vorrei.org

Print Friendly, PDF & Email

M5S Lombardia. Riforma Sanità. No a Ospedale di Desio con Vimercate.

“Con la revisione della riforma della Sanità Lombarda stanno addirittura peggiorando la riforma di Maroni; le novità introdotte porteranno meno controlli e più privato. Sono passi indietro inaccettabili ed è un peccato che la Maggioranza abbia bocciato tutte le nostre proposte emendative che avrebbero migliorato nettamente l’impianto generale delle proposte di modifica della Legge sulla sanità. Anche le proposte più conciliative non sono state accettate. Evidentemente si vuole avere mano libera nella gestione delle immense risorse della sanità lombarda”, così Marco Fumagalli, consigliere regionale del M5S Lombardia. La Maggioranza ha bocciato anche l’emendamento del Movimento che chiedeva di ripristinare l’assetto esistente prima della riforma sanitaria, sancita con la L.23/2015, che prevedeva che l’Ospedale di Desio fosse unito all’Ospedale di Vimercate in un’unica Azienda Ospedaliera. “Quello che accade poi in relazione alla Brianza è emblematico della situazione, con una correzione, quella dell’Ospedale di Desio con Vimercate che risponde a una esigenza emersa sul territorio”, aggiunge Fumagalli. “Si sta facendo di tutto per distruggere la sanità pubblica con liste di attesa lunghissime e con ripartizioni territoriali dannose per i cittadini. Con la riforma della cronicità è poi chiaro il disegno di commercializzazione della nostra salute. Le nostre patologie finiscono nel supermarket della sanità privata. La responsabilità di tutto questo è di Lega e Forza Italia che si pongono in assoluta continuità con il modello di sanità formigoniano. Ci opporremo con tutte le nostre forze a questa impostazione”.