Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Vorrei | Rivista non profit


Comunicati stampa

Attenzione. I materiali pubblicati in questa pagina non sono prodotti da Vorrei.
Vengono pubblicati su richiesta dei mittenti i quali se ne assumono ogni resposabilità.
Inviate i vostri comunicati a: info@vorrei.org

Print Friendly, PDF & Email

Monza nella classifica di Ecosistema Urbano:

Sassoli: “Un pacchetto di azioni per migliorare la performance ambientale della nostra città

Monza, 31 ottobre 2018. “I dati forniti da Legambiente confermano che la sostenibilità è un obiettivo sfidante per la nostra città: un traguardo che riusciremo a raggiungere solo se continueremo a investire, come abbiamo già fatto nel recentissimo periodo, sul fronte della qualità ambientale, pubblico e privato insieme”. Così l’Assessore all’Ambiente Martina Sassoli commenta i risultati della classifica di Ecosistema Urbano

I rifiuti. “Siamo consapevoli che per invertire il trend non esiste bacchetta magica che possa far eccellere la nostra città in breve tempo; al contempo siamo convinti della necessità di mettere in campo un pacchetto di azioni multidisciplinari, in grado di incidere sui comportamenti quotidiani di tutti. Penso in primis alla raccolta differenziata, su cui lo sforzo congiunto, di Amministrazione e cittadini, può davvero fare la differenza. Con il nuovo appalto rifiuti gli obiettivi di miglioramento sono concreti e già cadenzati nel tempo: mi auguro che Monza possa scalare presto la classifica su questo indicatore e raggiungere le città più performanti d’Italia”, continua l’Assessore. 

La qualità dell’aria. Per quanto riguarda la qualità dell'aria, il problema è - di natura strutturale. Monza è geograficamente collocata nel perfetto crocevia viabilistico che collega l’asse Svizzera-Milano e Torino-Venezia, con tutto il carico di inquinamento che questo comporta. “Su questo è indispensabile lavorare congiuntamente con le istituzioni di livello superiore, come Regione Lombardia, cui chiediamo uno sforzo aggiuntivo per tutelare la nostra aria - afferma Sassoli – Il Comune è disponibile a fare investimenti importanti sul tema, come già dimostrato sul fronte del risparmio energetico, mettendo in campo sconti rilevanti sugli oneri di urbanizzazione per le edificazioni in classi performanti. Ma ancora, grazie al costante confronto con le associazioni di categoria tra cui ANACI, stiamo studiando misure incentivanti per tutti i proprietari che decidano di investire sul proprio condominio per apportare un salto di classe energetico e dunque evitare la dispersione termica”.

I controlli. Se da una parte il Comune premia le best practice virtuose, dall’altra però non si esime dal ruolo di controllore anche sugli impianti termici - vero elemento negativo che condiziona l’inquinamento dell’aria - il Comune, infatti, si sta impegnando con la campagna di ispezioni: sono ben 1500 i controlli in calendario che saranno effettuati nelle case di Monza entro il prossimo luglio.

Gli “ambasciatori dell’ambiente”. In prospettiva chi potrà fare la differenza nei prossimi anni su tutti i fronti, non per ultimo anche su quello idrico, sono i bambini e i ragazzi, coloro che affettuosamente definiamo i nostri “Ambasciatori dell’Ambiente”. “Sono loro i destinatari privilegiati dei nostri investimenti culturali – conclude l’Assessore – Per questo sosteniamo in ogni modo i progetti di educazione ambientale, tema su cui la maggioranza delle scuole sta già lavorando con determinazione e grande sensibilità”.

 

 

Scheda:

le attività già avviate dal Comune di Monza per migliorare la qualità dell’ambiente

  

AMBITO DI INTERVENTO

ATTIVITA’ AVVIATE

Miglioramento aria - interventi su patrimonio edilizio

Incentivi per l’efficientamento del patrimonio edilizio esistente:

·        Sconto fino al 10% sul salto di classe energetica per gli edifici esistenti;

·        Sconto fino al 30% sulle nuove edificazioni in classi energetiche performanti;

·        Sconto fino al 50% su oneri di urbanizzazione per ristrutturazioni che prevedono demolizione e ricostruzione.

Accordo con ANACI per incentivare investimenti di efficientamento energetico in assenza di ristrutturazione edilizia (proposta in dirittura d’arrivo*);

Campagna ispettiva su 1500 impianti termici in città;

Miglioramento aria – interventi per ridurre PM10 e inquinamento

Introduzione parco veicoli per la raccolta e spazzamento smaltimento rifiuti almeno euro 6 o elettrici/ibridi/gpl con nuova gestione appalto rifiuti;

Rinnovo parco autobus ecologici nel contratto di TPL;

Misure più restrittive per l’utilizzo di mezzi diesel, in accordo con Provincia e Regione (proposta in dirittura d’arrivo*);

Piano di potenziamento delle stazioni di ricarica per veicoli elettrici.

Qualità del suolo e rigenerazione urbana

 

 

 

 

 

Sconto del 50% per le bonifiche di aree dismesse con inquinamento di falda accertato

Rimboschimento e forestazione aree verdi in collaborazione con il privato in caso di convenzione urbanistiche (area Roche + area S. Albino – Monza Sviluppo)

Precedenza alla riconversione delle aree dismesse con la costituzione di un team di lavoro dedicato.  

Qualità dell’acqua e tutela delle risorse idriche

In collaborazione con BrianzaAcque:

·        Diffusione delle casette dell’acqua per la riduzione della plastica e la valorizzazione dell’acqua pubblica in città e nelle sedi istituzionali;

·        Percorsi di educazione ambientale nelle scuole sul tema del risparmio idrico e

·        Studio del rischio idrico e dell’invarianza idraulica

Miglioramento raccolta differenziata

Miglioramento della raccolta differenziata sia a livello qualitativo sia quantitativo con una quota pari al 70% già il primo anno per arrivare all’80% a regime;

Miglioramento del decoro urbano con la riduzione dei tempi di esposizione dei rifiuti e la riduzione dei disagi derivanti dal divieto di sosta per la pulizia delle strade;

Introduzione di un sistema efficace di controllo e nuova campagna di comunicazione per migliorare la raccolta differenziata.

Qualità del verde pubblico

Riqualificazione dei giardini e di nuovi spazi verdi ad uso pubblico con manutenzioni a carico del privato;

Realizzazione della prima oasi felina in città;

Realizzazione della prima oasi della biodiversità in collaborazione con ENPA;

Nuova disciplina che prevede la realizzazione di aree di sgambamento cani, oltre a quelle attrezzate;

Progetto di patti civici di collaborazione con i cittadini per la cura e manutenzione aree cani .