Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Vorrei | Rivista non profit

Dal 2008 rivista non profit di cultura, ambiente e politica. Senza pubblicità.

Comunicati stampa

Attenzione. I materiali pubblicati in questa pagina non sono prodotti da Vorrei.
Vengono pubblicati su richiesta dei mittenti i quali se ne assumono ogni resposabilità.
Inviate i vostri comunicati a: info@vorrei.org

Print Friendly, PDF & Email

Lettera del Presidente Ponti ai Ministri Galletti e Delrio sull’emergenza smog:

 “Alle Province mancano risorse per garantire il servizio bus: l’unica valida alternativa all’automobile”          

 in Brianza nel 2016 a rischio 228 corse giornaliere: 7000 viaggiatori a piedi

Monza, 30 dicembre 2015. Dopo settimane di emergenza smog, anche in Brianza, e di proposte plurime sui possibili interventi da mettere in campo, oggi il Presidente della Provincia MB, Gigi Ponti, ha scritto direttamente al Ministro dell’Ambiente Gianluca Galletti e al Ministro dei Trasporti Graziano Delrio.

 “La pessima qualità dell'aria di questi giorni riporta all'attenzione il valore imprescindibile del Servizio di trasporto pubblico – dice il Presidente - Ancora una volta risulta evidente quanto, di fronte alle reali esigenze dei nostri cittadini, il servizio bus si riveli inadeguato a rappresentare una valida alternativa all'utilizzo dell'auto privata, con le conseguenze ambientali che purtroppo tutti conosciamo”.

 “Sottolineo che in Brianza, come in altre Province Lombarde, mancano i soldi per assicurare il servizio che già c'è e che é stato garantito dalle Province negli scorsi anni”.

Il motivo é semplice: alle Province che avevano sempre coperto con proprie disponibilità i fondi necessari sono state stornate risorse proprie, senza destinare nulla ai servizi per i cittadini.

Oggi alla Brianza - un territorio densamente urbanizzato, che conta più di 800.000 abitanti - mancano 1,8 ml di Euro per garantire il medesimo servizio bus del 2015: ciò si tradurrà, per l’anno prossimo, in 228 corse giornaliere soppresse, 7.000 viaggiatori al giorno da lasciare a piedi ed una stima di 46 posti di lavoro persi nel settore.

 “Credo che la migliore proposta che si possa fare, nel momento in cui state valutando come intervenire sui gravi temi dell'inquinamento atmosferico - conclude Ponti - sia quella dimantenere almeno i servizi di trasporto pubblico che ci sono e che costituiscono il presidio minimo necessario per rispettare le necessità di movimento dei cittadini”.

Ufficio Stampa Provincia di MB

 

Iscriviti alla newsletter
Iscriviti gratis alla nostra newsletter per ricevere gli aggiornamenti e le novità sugli articoli e le iniziative di Vorrei

Per iscriverti devi accettare i nostri termini di utilizzo dei tuoi dati, ovvero la nostra politica riguardo la privacy. Non li cediamo a nessuno e non abusiamo mai! :)