Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Vorrei | Rivista non profit

Dal 2008 rivista non profit di cultura, ambiente e politica. Senza pubblicità.

Comunicati stampa

Attenzione. I materiali pubblicati in questa pagina non sono prodotti da Vorrei.
Vengono pubblicati su richiesta dei mittenti i quali se ne assumono ogni resposabilità.
Inviate i vostri comunicati a: info@vorrei.org

Print Friendly, PDF & Email

Monza, 11 novembre 2015 – La Giunta comunale, su proposta dell’assessore alle Politiche culturali e di sostenibilità, Francesca Dell’Aquila di concerto con l’assessore ai Lavori pubblici, Antonio Marrazzo, ha dato l’ok a una delibera che promuove l’ulteriore diffusione degli orti-urbani in città, dopo la positiva esperienza avviata nel quartiere Sant’Albino, dove, su un’area di circa 7mila mq, i cittadini stanno dando vita a un orto e giardino urbano condiviso e partecipato. L’insediamento dei nuovi orti potrà avvenire nelle aree comunali di via Buonarroti, via della Birona, via della Guerrina, via Nicolò Macchiavelli, via della Fortuna e nel Parco della Boscherona. L’obiettivo della nuova delibera è di avviare altri progetti per la gestione del verde e la valorizzazione degli spazi in città, in particolare di aree sotto utilizzate o in stato di degrado. La delibera prevede anche l’istituzione di gruppi di lavoro tra amministrazione comunale e realtà cittadine no profit, cooperative, associazioni, istituzioni professionali. “Questo progetto – commenta l'assessore Dell’Aquila – punta a favorire la nascita di comunità che si occupino della riqualificazione di aree cittadine, anche come occasione di nuova socializzazione, di coesione sociale oltre che di promozione della sostenbilità”. “Anche grazie al progetto degli orti urbani – aggiunge l’assessore Marrazzo – recuperiamo aree abbandonate mettendo inoltre a disposizione dei cittadini e dei comitati il know how e le professionalità dell’amministrazione comunale”. Negli orti urbani sono previste coltivazioni biologiche o a ridotto impatto ambientale, con divieto di utilizzo di pesticidi e diserbanti chimici o di sementi OGM. Il raccolto potrà essere destinato al consumo delle comunità che si occuperanno della gestione e anche alla vendita a km 0 e di filiera corta.

Ufficio stampa del Comune

 

Iscriviti alla newsletter
Iscriviti gratis alla nostra newsletter per ricevere gli aggiornamenti e le novità sugli articoli e le iniziative di Vorrei

Per iscriverti devi accettare i nostri termini di utilizzo dei tuoi dati, ovvero la nostra politica riguardo la privacy. Non li cediamo a nessuno e non abusiamo mai! :)