Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Vorrei | Rivista non profit


Comunicati stampa

Attenzione. I materiali pubblicati in questa pagina non sono prodotti da Vorrei.
Vengono pubblicati su richiesta dei mittenti i quali se ne assumono ogni resposabilità.
Inviate i vostri comunicati a: info@vorrei.org

Print Friendly, PDF & Email

Il weekend di Halloween al Festival delle Lanterne Cinesi. Non solo zucche tra le installazioni: essenze orientali e verde ornamentale, nuovi laboratori e più spazio al gusto con lo street food della tradizione italiana

Monza, 30 ottobre 2015 – Si tinge di arancione il Festival delle Lanterne Cinesi: nel weekend di Halloween l’appuntamento è nell’area festival di 25mila metri quadri tra viale Sicilia e viale Stucchi. Il ponte culturale che a Monza si sta costruendo tra Italia e Cina si rafforza anche a suon di “dolcetti o scherzetti”: in questi giorni zucche e festoni si abbineranno alle decine di installazioni che sono state realizzate a mano da artigiani provenienti dalla Provincia del Sichuan, ente promotore del festival.

Tra le opere di ricoperte di seta e illuminate a led, principali attrazioni della manifestazione, troveranno posto anche questa settimana sei diversi truck dello “Street food sulla via della seta”: anche la tradizione culinaria italiana si sposa alla cucina cinese. E infatti ravioli al vapore e involtini primavera (ma non solo) saranno preparati al momento da uno chef cinese in una pagoda allestita accanto al palco che ogni ora ospita divertenti e affascinanti spettacoli di compagnie artistiche cinesi.

Proseguono le attività di laboratorio, rivolte ad adulte e bambini. Novità della settimana la “La cerimonia del tè”, che avvicinerà i visitatori agli usi e ai costumi di una tradizione millenaria. In programma anche “Impariamo il cinese”, che permetterà di pronunciare qualche parola in mandarino e di scriverla, anche, utilizzando gli ideogrammi. I più creativi potranno usare i colori e dipingere, e portare a casa, piccole lanterne di carta.

Ultimi giorni per visitare i “Pinocchi” della mostra “Pinocchio Giramondo”, ideata da Savi Arbola Appiani e dallo scultore Lino Monopoli, e organizzata dall'associazione Ponte degli Artisti, rimarrà allestita fino al primo novembre. Gli scatti sulla provincia del Sichuan, invece, saranno visibili in maniera “diffusa” per l’intero festival fino alla sua fine. Prosegue anche il concorso fotografico: condividi la tua fotografia delle lanterne su Instagram indicando come hashtag #lanternecinesifestival: domani sera, sabato 31, si scoprirà quale scatto ha conquistato il maggior numero di preferenze nel mese di ottobre. Per il suo autore in palio come premio prodotti d’artigianato tipico cinese.

Tra l’arancione della festa di Halloween fa capolino da oggi il verde delle piante, dei fiori ornamentali e delle essenze e degli arbusti orientali, che sono stati posizionati attorno alle lanterne proprio come nei festival che vengono organizzati in Cina in generale e nella provincia del Sichuan in particolare. Il Sichuan, geograficamente al centro della Repubblica Popolare Cinese, si estende per 485mila chilometri quadrati e conta una popolazione di oltre 87 milioni di abitanti: è il terzo distretto più popolato della Cina. Le principali risorse della popolazione sono l’agricoltura (riso, kaoliang, mais, canna da zucchero, tè, tabacco, cotone, agrumi, semi oleosi), l’allevamento suino e ovino e lo sfruttamento del sottosuolo, tra cui l'estrazione del gas naturale.

Il festival è aperto dal giovedì alla domenica dalle 17 alle 22. 9 euro il prezzo del biglietto d’ingresso per gli adulti. Gratis l’ingresso per i bambini minori di 10 anni e prezzi ridotti per le famiglie.

Per informazioni 331 6417213 www.festivaldellelanterne.it