Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Vorrei | Rivista non profit

Dal 2008 rivista non profit di cultura, ambiente e politica. Senza pubblicità.

Comunicati stampa

Attenzione. I materiali pubblicati in questa pagina non sono prodotti da Vorrei.
Vengono pubblicati su richiesta dei mittenti i quali se ne assumono ogni resposabilità.
Inviate i vostri comunicati a: info@vorrei.org

Print Friendly, PDF & Email

Alcatel-Lucent: l’happy hour della vergogna

Si festeggia nonostante 23 licenziamenti annunciati per ottobre

 La direzione della multinazionale ha deciso di creare un momento con cadenza mensile per incontrarsi, scambiare idee, socializzare e trascorrere del tempo insieme gustando un aperitivo. L’idea di far socializzare i propri dipendenti al di fuori dell’orario di lavoro potrebbe essere anche valida se l’azienda si trovasse in una situazione normale. Purtroppo Alcatel-Lucent sta vivendo una situazione paradossale. Da un lato si parla di ripresa e dall’altro 23 lavoratori e lavoratrici in cassa integrazione in deroga sono stati condannati al licenziamento. Per di più l’azienda ha mostrato un accanimento senza pari nei loro confronti negando loro perfino l’anticipo del TFR pur sapendo che durante tale periodo essi non percepiscono alcun reddito. Ci si chiede se sia davvero il caso di organizzare delle “ore felici” in un contesto del genere.

Gianluigi Redaelli

Segretario generale agg. Fim Cisl Monza Brianza Lecco

responsabile Provincia Monza e Brianza

Via Dante 17/A - 20900 Monza

 

Iscriviti alla newsletter
Iscriviti gratis alla nostra newsletter per ricevere gli aggiornamenti e le novità sugli articoli e le iniziative di Vorrei

Per iscriverti devi accettare i nostri termini di utilizzo dei tuoi dati, ovvero la nostra politica riguardo la privacy. Non li cediamo a nessuno e non abusiamo mai! :)