Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Vorrei | Rivista non profit

Dal 2008 rivista non profit di cultura, ambiente e politica. Senza pubblicità.

Comunicati stampa

Attenzione. I materiali pubblicati in questa pagina non sono prodotti da Vorrei.
Vengono pubblicati su richiesta dei mittenti i quali se ne assumono ogni resposabilità.
Inviate i vostri comunicati a: info@vorrei.org

Print Friendly, PDF & Email

Domenica 21 giugno si terrà la giornata conclusiva del Trofeo della Pace, per la parte che riguarda il torneo interetnico di calcio a 7, di seguito il programma presso lo stadio Sada in via Guarenti a Monza, zona stazione FS, con entrata libera, che riprendiamo dal sito web dedicato www.trofeodellapace.org:

dalle ore 15.30 triangolare per la "Freedom Cup" con SudAmerica/UPF Italia/Tibet

dalle ore 17.00 le ultime due partite, decisive per la classifica finale, del Trofeo della PaceOratorio San Francesco vs. Real Monza e in contemporanea CMR 50 vs. CPIA Monza Brianza

dalle ore 18.00 premiazioni a cura degli esponenti del Comune di Monza, della UISP Unione Italiana Sport per Tutti e della Universal Peace Federation, tra gli altri sarà presente anche l'ex calciatore di serie A, già capitano del Perugia dei record, Pierluigi Frosio, testimonial di questa decima edizione del torneo interetnico di calcio a 7.

Noi promotori di questa manifestazione - che per il suo mix di sport, amicizia e integrazione, risulta una delle manifestazioni più interessanti del territorio - esprimiamo il desiderio che sia una festa per tutti i presenti, ma soprattutto per i protagonisti, i giovani giocatori di tante nazionalità e culture diverse, alcuni profughi, che con determinazione si sono impegnati in questo torneo, e uniti dalla passione comune per il calcio stanno abbattendo ogni barriera tra loro. Applaudiamoli e sosteniamoli con vigore, sia che vincano oppure perdano, sia che arrivino primi che ultimi.

Inoltre imitando gli amici tibetani, che verranno a giocare con le loro bandiere e una contagiosa simpatia, vorremmo che nessuno dimenticasse la causa dei diritti umani in Tibet, come tutte le cause che vedono soccombere un essere umano perché l'altro non lo riconosce, ma lo sport è davvero speciale perché, come disse Nelson Mandela: "Lo sport ha il potere di cambiare il mondo. Di unire la gente. Parla una lingua che tutti capiscono. Lo sport può creare la speranza dove prima c’era solo disperazione".

UPF Monza Brianza

 

Iscriviti alla newsletter
Iscriviti gratis alla nostra newsletter per ricevere gli aggiornamenti e le novità sugli articoli e le iniziative di Vorrei

Per iscriverti devi accettare i nostri termini di utilizzo dei tuoi dati, ovvero la nostra politica riguardo la privacy. Non li cediamo a nessuno e non abusiamo mai! :)