Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Vorrei | Rivista non profit


Comunicati stampa

Attenzione. I materiali pubblicati in questa pagina non sono prodotti da Vorrei.
Vengono pubblicati su richiesta dei mittenti i quali se ne assumono ogni resposabilità.
Inviate i vostri comunicati a: info@vorrei.org

Print Friendly, PDF & Email

Inaugurazione sportello Salute e Sicurezza della Camera del Lavoro di Monza e Brianza

La Camera del Lavoro di Monza e Brianza inaugura il prossimo 15 giungo alle ore 15.30 (presso il salone Bruno Trentin) lo sportello salute e sicurezza sui luoghi di lavoro.

Parteciperanno all'inaugurazione Eliana Schiadà della segreteria della Camera del lavoro responsabile delle politiche salute e sicurezza del territorio, Dott.sa Elisa Mancini consulente e formatrice di Serteced (società di tecnologia ed impresa gestisce e promuove salute e sicurezza) per , Perego Luisa CGIL Monza, il Dott. Roberto Cecchetti Direttore del servizio prevenzione e sicurezza Ambienti Lavoro della ASL di Monza, Maurizio Paltan direttore INCA, Giovanna Piccoli Coordinatrice ufficio Vertenze e Maurizio Laini Segretario Generale della Camera del Lavoro di Monza e Brianza.

Lo Sportello Salute e Sicurezza è un servizio rivolto in particolare agli RLS (rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza), ma disponibile anche ai delegati sindacali ed ai lavoratori tutti;

-         per continuare ad affermare la cultura della prevenzione nei luoghi di lavoro, fornendo supporti ed orientamenti agli operatori;

-         per consolidare la presenza degli RLS  e diffonderla in tutti i luoghi di lavoro, intercettando quindi anche realtà non sindacalizzate;

-         per consentire quindi una maggior conoscenza e consapevolezza dei problemi del territorio inerenti il lavoro e la sua tutela.

Il tema della salute e sicurezza sul lavoro è sempre stato oggetto del  costante impegno della Camera del Lavoro di Monza e Brianza, per una piena tutela della salute, dell'integrità e della dignità della persona in ogni ambiente di lavoro.

Oggi si aggiunge una  motivazione ulteriore. È facilmente prevedibile che AI TEMPI DEL JOBS ACT, per i lavoratori,  SARÀ PIÙ DIFFICILE RIVENDICARE SICUREZZA.

 Il contratto a tutele crescenti farà si che i lavoratori saranno più deboli e più timorosi di perdere il posto di lavoro e quindi  più disponibili ad accettare condizioni di lavoro meno sicure, o meno disponibili a rivendicare miglioramenti. Generando un possibile aumento degli infortuni e delle malattie professionali.

Per questo motivo, mentre diciamo che occorre RIVENDICARE UN RUOLO PIENO PER GLI RLS, al tempo stesso vogliamo rafforzarne le competenze e l'autorevolezza attraverso un investimento in formazione e in consulenza.

Da qui nasce il progetto come riorganizzazione di un servizio non più lasciato alla gestione delle singole categorie ma con una regia confederale e con un apposito funzionario ad esso dedicato, promuovendo  attività formative  a carattere seminariale , iniziative specifiche sui posti di lavoro , avvalendosi di competenze interne ed esterne , tenendo conto delle varie specificità dei luoghi di lavoro.

Lo sportello sarà anche un importante snodo tra categorie, patronato inca e ufficio vertenze per un intervento laddove necessario trasversale e sinergico, in un' ottica partecipata, per una azione efficace anche in tema di denunce.