Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Vorrei | Rivista non profit

Dal 2008 rivista non profit di cultura, ambiente e politica. Senza pubblicità.

Comunicati stampa

Attenzione. I materiali pubblicati in questa pagina non sono prodotti da Vorrei.
Vengono pubblicati su richiesta dei mittenti i quali se ne assumono ogni resposabilità.
Inviate i vostri comunicati a: info@vorrei.org

Print Friendly, PDF & Email

M5S Lombardia. Inceneritore Desio. Bea necessario totale cambiamento del management e politiche innovative su gestione rifiuti

“Errori, passi falsi e forzature: Bea deve fare piazza pulita del vecchio management”, così Gianmarco Corbetta, consigliere del Movimento 5 Stelle Lombardia, commenta le notizie pubblicate  dal Cittadino di Monza e Brianza di oggi sulle motivazioni delle dimissioni del Presidente di Bea, Silvio Boselli da ricercare nei gravissimi problemi relativi all’aggiudicazione della gara per la fornitura e gestione della turbina dell’impianto di teleriscaldamento.

“La gestione di Bea degli ultimi anni è costellata da errori e forzature a partire dal progetto fallito di costruire un nuovo grande impianto (anni 2000), dall’idea, fortunatamente respinta di vincolare i comuni a conferire per 20 anni una quantità prestabilita di rifiuti da bruciare (piano industriale 2012), fino al bando di gara (andato deserto) per i lavori di revamping del vecchio forno e all’illegale scambio di azioni (accantonato) tra Bea e Cem in vista della fusione delle due società: il tutto sempre con l’unica finalità di salvare il forno dal suo destino naturale, la chiusura”.

“Basta omertà su BEA, da tutti gli attori, sindaci compresi: l’unico modo di salvaguardare l’azienda e i suoi dipendenti è quello di agire nella massima trasparenza e di comunicare pubblicamente quanto sta succedendo.  Cominciamo subito a ragione sulla dismissione dell’impianto e sulla sua riconversione a “fabbrica dei materiali”. Per farlo è necessario però allontanare tutti coloro che hanno gestito la società fino ad oggi, a partire da Alcide Copreni (in Bea dalla notte dei tempi, oggi Presidente del Consiglio di Amministrazione di Bea Gestioni) e Alberto Cambiaghi (Direttore Generale di Bea e Consigliere e Amministratore Delegato di Bea Gestioni). Finché Bea non sarà guidata da un management con idee nuove, al passo coi tempi e con in testa una politica industriale rivolta al futuro e ad un gestione virtuosa dei rifiuti, non cambierà mai nulla”, conclude Corbetta.

 
 
 

 

Iscriviti alla newsletter
Iscriviti gratis alla nostra newsletter per ricevere gli aggiornamenti e le novità sugli articoli e le iniziative di Vorrei

Per iscriverti devi accettare i nostri termini di utilizzo dei tuoi dati, ovvero la nostra politica riguardo la privacy. Non li cediamo a nessuno e non abusiamo mai! :)