Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Vorrei | Rivista non profit

Dal 2008 rivista non profit di cultura, ambiente e politica. Senza pubblicità.

Comunicati stampa

Attenzione. I materiali pubblicati in questa pagina non sono prodotti da Vorrei.
Vengono pubblicati su richiesta dei mittenti i quali se ne assumono ogni resposabilità.
Inviate i vostri comunicati a: info@vorrei.org

Print Friendly, PDF & Email

FRUTTETO MATEMATICO E ORTO ACCESSIBILE

Apprendiamo dagli organi di stampa che all’interno del Parco di Monza, nell’area antistante la Cascina Frutteto, si intende riproporre il “Frutteto Matematico”. Una struttura didattico-agricola sperimentale presente già nelle carte dell’architetto Canonica e, probabilmente, espiantata all’inizio del novecento.

L'imminente lavoro di ripristino del Frutteto Matematico nel Parco di Monza può significare un'occasione per un recupero di una porzione del Parco, che riacquisterebbe parte della configurazione che aveva nel passato sostituendosi a due anonimi prati.

La ricostruzione del Frutteto Matematico prevede la eliminazione di una parte dell’orto realizzato ad Est della scuola: l'Orto Accessibile. Il nome indica una porzione dell'area su cui è stato realizzato, dalla Scuola di Agraria (ente che ha in concessione la Cascina) e con finanziamenti provinciali, un orto con finalità soprattutto sociali . L'Orto Accessibile è stato studiato e realizzato per essere utilizzato dalle persone con disagi di tipo psichico e fisico. Molti gruppi di disabili trovano qui, ogni anno, una importante risorsa dal punto di vista terapeutico. La superficie dell'Orto Accessibile passerebbe da 915,7mq a 520,9mq. Non solo: verrebbe sollevata la pavimentazione che garantisce accessibilità e spostamenti a persone con problemi di deambulazione. Verrebbe altresì interrotta la continuità di alcuni percorsi.

La faccenda sarebbe risolvibile con semplice buon senso. Basterebbe ridurre la lunghezza di qualche filare nella parte Nord dello stesso senza un’apprezzabile modifica dell’impianto.

Chiediamo quindi che i progettisti e i responsabili della gestione del Parco, Consorzio in primis, intervengano sul progetto - che andrà in breve in porto - e si permetta all'orto didattico di continuare a svolgere a pieno la sua valenza sociale ed a mantenerne la sua interezza.

Inoltre, ci rimane il dubbio di come e con quali fondi, terminato il progetto, verrebbe gestita la nuova struttura all’interno del Parco. Sarà difficile sostenerla con solo le azioni di volontariato degli alunni e dei volontari della Scuola. E’ quindi necessario, fin da ora, prevedere i fondi necessari per la sua manutenzione, fondi  che molto spesso vengono reperiti  per mantenere invece strutture incompatibili con il Parco storico di Monza. 

Monza: 19.04.2015

                                                                                    LEGAMBIENTE MONZA

                                                                                               Il presidente

 

Iscriviti alla newsletter
Iscriviti gratis alla nostra newsletter per ricevere gli aggiornamenti e le novità sugli articoli e le iniziative di Vorrei

Per iscriverti devi accettare i nostri termini di utilizzo dei tuoi dati, ovvero la nostra politica riguardo la privacy. Non li cediamo a nessuno e non abusiamo mai! :)