Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Vorrei | Rivista non profit


Comunicati stampa

Attenzione. I materiali pubblicati in questa pagina non sono prodotti da Vorrei.
Vengono pubblicati su richiesta dei mittenti i quali se ne assumono ogni resposabilità.
Inviate i vostri comunicati a: info@vorrei.org

Print Friendly, PDF & Email

NIPPON ELDORADO KABARETT

AL TEATRO BINARIO 7 DI MONZA

Un concerto originale alla scoperta delle avanguardie musicali del Giappone, sabato 7 marzo al Teatro Binario 7

Monza, 25 febbraio 2015. Continua il viaggio alla scoperta di nuove sonorità grazie alla rinnovata stagione musicale del Teatro Binario 7 di Monza Terra. Musica, voci e paesaggi sonori, con la direzione artistica di Rachel O’Brien e la collaborazione di EquiVoci Musicali. Dopo aver girato tra l’Europa e il Sudamerica, sabato 7 marzo si approda in oriente con Nippon Eldorado Kabarett.

Un sestetto d’eccezione suona il rock giapponese d’avanguardia degli anni Ottanta. Il progetto nasce per volontà di Giovanni Venosta, autore di colonne sonore per Silvio Soldini e tastierista della Mamud Band. «Il nostro spettacolo- afferma l’ideatore - vuole cominciare a dar luce a un repertorio in Italia ancora nascosto, pieno di suggestioni melodiche e stilistiche anche piuttosto immediate, spesso dotate di sottile ironia e grande solarità».

Sul palco troveremo sei musicisti vestiti da medici, in omaggio al percussionista Kiyohiko Senba: due noti compositori di estrazione classica, Emilio Galante al flauto ed elettronica e lo stesso Venosta alle tastiere; uno dei più eclettici chitarristi italiani, Alberto Turra; la ritmica tellurica di William Nicastro al basso e Sergio Quagliarella alla batteria. Una delle voci più interessanti e versatili del recente panorama rock, Sarah Stride, canterà in idioma originale, fondendo sonorità attuali con il canto tradizionale del Paese del Sol Levante, il tutto condito da un atteggiamento quasi-esistenzialista e disincantato, tipico anch'esso delle esibizioni dei gruppi nipponici in questo ambito.

Saranno proposti brani di Haco & After Dinner, Jun Togawa e Phew con Yoshihide Otomo, Kiyohiko Senba & the Haniwa All Stars, Wha Ha Ha, alcuni di essi dedicati a elaborazioni di repertorio "Chindon'ya", ovvero alla musica dei musicisti di strada nata alla fine del XIX secolo a Osaka.

Lo spettacolo è stato presentato in prima nazionale il 30 ottobre 2013 al Muse di Trento, nel 2014 è stato replicato alla Salumeria della Musica di Milano, al 2° Milano Manga Festival e all'Università di Trento. Una curiosità: l'estratto video di questo concerto pubblicato su YouTube ha suscitato l'entusiasmo di più di un migliaio di giapponesi, tra cui i leader dei gruppi originali.

Sabato 7 marzo ore 21.00, al Teatro Binario 7, la sfida di Nippon Eldorado Kabarett è riuscire a regalare magia e gioia allo stesso tempo, condita da un pizzico di ironia.

L’ISPIRAZIONE

In Giappone le avanguardie musicali in ambito non classico e non prettamente jazzistico cominciano ad affermarsi intorno all'inizio degli anni '80, per proseguire con fulgore nel decennio successivo, sconfinando con decisione nel terzo millennio. È a partire da quegli anni che i voracissimi giapponesi riescono ad avere accesso a ciò che accade in occidente, cominciando a rivisitare gli stimoli esterni attraverso una personalissima estetica. Personale perché insulare, quindi isolata, proveniente da un Paese mai invaso da nessun altro popolo per secoli e secoli, dove però gli artisti, soprattutto a partire dall'immediato dopoguerra, avevano già dato prova di assimilazione, sintesi e restituzione delle tendenze europee prima, e americane poi.

Grazie all'originalità di questa estetica musicale, proprio negli USA, l'etichetta discografica fondata da John Zorn, a partire dalla seconda metà degli anni '90, decide di dedicare una parte delle produzioni del proprio catalogo alla musica sperimentale e avanguardistica giapponese.

TEATRO BINARIO 7

NIPPON ELDORADO KABARETT

sabato 7 marzo 2015, ore 21.00

ideato da

Giovanni Venosta

con

Sarah Demagistri, voce

William Nicastro, basso

Giovanni Venosta, tastiere

Emilio Galante, flauto

Alberto N. A. Turra, chitarra

Sergio Quagliarella, batteria

a cura di

Sonata Islands - Emilio Galante

Biglietti: intero € 12| ridotto € 10 (under25, over65, abbonati altre stagioni)| in abbonamento per gli allievi La Scuola Delle Arti| convenzionati € 8| under18 € 6

Per info e prenotazioni:

Teatro Binario 7

via Filippo Turati 8, Monza

biglietteria@tetrobinario7.it

www.teatrobinario7.it

tel. 039 2027002