Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Vorrei | Rivista non profit


Comunicati stampa

Attenzione. I materiali pubblicati in questa pagina non sono prodotti da Vorrei.
Vengono pubblicati su richiesta dei mittenti i quali se ne assumono ogni resposabilità.
Inviate i vostri comunicati a: info@vorrei.org

Print Friendly, PDF & Email

Cavenago Brianza: relazione semestrale, Cem Ambiente va meglio del previsto. E taglia i costi sul secco ai Comuni

 Giro di boa di metà anno per CEM Ambiente, con un andamento contabile e finanziario positivo, superiore alle attese. E’ questo quanto affermato ieri da Virginio Pedrazzi, Amministratore unico di Cem Ambiente Spa, nel corso del Comitato ristretto che si è tenuto nella sede di Cavenago e in cui è stata presentata la Relazione semestrale della società.

Un trend positivo dei conti economici, dunque, che conferma e  migliora quanto anticipato dal Bilancio di previsione 2013 e che è dovuto a una serie di concause:

-        Il buon andamento della cessione al consorzio Conai dei rifiuti recuperati che ha consentito un beneficio economico per Cem e per i Comuni;

-        La politiche di risparmio societario, la cosiddetta spending review, su spese e servizi generali;

-        Le migliorie organizzative e contrattuali su alcuni servizi di smaltimento;

-        Il proseguimento del servizio a San Giuliano Milanese fino alla fine ottobre.

“i numeri presentati ieri sera indicano la bontà della strada intrapresa dalla società – spiega l’Amministatore unico Virginio Pedrazzi. La nostra buona gestione risulta in linea con i requisiti richiesti dalla revisione e dalla spending del Commissario Cottarelli. Viene inoltre riconosciuta e premiata la nostra politica e il nostro modello di servizio sul territorio, e infatti due nuovi Comuni hanno deciso di entrare nel circuito CEM. Tale nuovo ingresso consentirà di ottimizzare ulteriormente i costi di gestione e spalmarli su un territorio più ampio con benefici per tutti”.

E di benefici concreti ce ne saranno davvero: «Grazie ai risultati ottenuti nel primo semestre  - spiega Pedrazzi - ora potremo attuare una riduzione estemporana delle tariffe inerenti il rifiuto secco. Si tratterà di 5 euro per tonnellata in meno che i nostri Comuni risparmieranno sul costo del servizio, nell’ultimo quadrimestre dell’anno».

Un premio di fine anno che, di questi tempi, sarà certamente gradito!