Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Vorrei | Rivista non profit

Dal 2008 rivista non profit di cultura, ambiente e politica. Senza pubblicità.

Comunicati stampa

Attenzione. I materiali pubblicati in questa pagina non sono prodotti da Vorrei.
Vengono pubblicati su richiesta dei mittenti i quali se ne assumono ogni resposabilità.
Inviate i vostri comunicati a: info@vorrei.org

Print Friendly, PDF & Email

Cavenago Brianza: relazione semestrale, Cem Ambiente va meglio del previsto. E taglia i costi sul secco ai Comuni

 Giro di boa di metà anno per CEM Ambiente, con un andamento contabile e finanziario positivo, superiore alle attese. E’ questo quanto affermato ieri da Virginio Pedrazzi, Amministratore unico di Cem Ambiente Spa, nel corso del Comitato ristretto che si è tenuto nella sede di Cavenago e in cui è stata presentata la Relazione semestrale della società.

Un trend positivo dei conti economici, dunque, che conferma e  migliora quanto anticipato dal Bilancio di previsione 2013 e che è dovuto a una serie di concause:

-        Il buon andamento della cessione al consorzio Conai dei rifiuti recuperati che ha consentito un beneficio economico per Cem e per i Comuni;

-        La politiche di risparmio societario, la cosiddetta spending review, su spese e servizi generali;

-        Le migliorie organizzative e contrattuali su alcuni servizi di smaltimento;

-        Il proseguimento del servizio a San Giuliano Milanese fino alla fine ottobre.

“i numeri presentati ieri sera indicano la bontà della strada intrapresa dalla società – spiega l’Amministatore unico Virginio Pedrazzi. La nostra buona gestione risulta in linea con i requisiti richiesti dalla revisione e dalla spending del Commissario Cottarelli. Viene inoltre riconosciuta e premiata la nostra politica e il nostro modello di servizio sul territorio, e infatti due nuovi Comuni hanno deciso di entrare nel circuito CEM. Tale nuovo ingresso consentirà di ottimizzare ulteriormente i costi di gestione e spalmarli su un territorio più ampio con benefici per tutti”.

E di benefici concreti ce ne saranno davvero: «Grazie ai risultati ottenuti nel primo semestre  - spiega Pedrazzi - ora potremo attuare una riduzione estemporana delle tariffe inerenti il rifiuto secco. Si tratterà di 5 euro per tonnellata in meno che i nostri Comuni risparmieranno sul costo del servizio, nell’ultimo quadrimestre dell’anno».

Un premio di fine anno che, di questi tempi, sarà certamente gradito!

 

Iscriviti alla newsletter
Iscriviti gratis alla nostra newsletter per ricevere gli aggiornamenti e le novità sugli articoli e le iniziative di Vorrei

Per iscriverti devi accettare i nostri termini di utilizzo dei tuoi dati, ovvero la nostra politica riguardo la privacy. Non li cediamo a nessuno e non abusiamo mai! :)