Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Print Friendly, PDF & Email

20120409adamo disegno 003-a

Non c’incontriamo mai. Io e Don Chisciotte non c’incontriamo mai. Cioè, c’incontriamo sempre, ma nel libro che ha scritto el senor Cervantes. Siamo personaggi, non siamo persone.

 Monologo per voce recitante e sospiri

Seconda parte

Si alza il sipario

 

Lui, il Cavaliere dalla triste figura mi ha stregata! Ad ogni battito del mio cuore non posso che pensare a lui. Cosa fa? Mangia, beve, studia, toglie le pulci al cane, parla col muro? Non posso lasciarlo là, nel pueblo innominato. Non posso, non posso, devo sapere cosa fa, cosa non fa. E se fosse morto? Stecchito? Caduto nel pozzo? Volato sulla luna?

Salto sulla prima diligenza che passa? “Dove va, senorita?” “Che t’importa, caprone, tu tira dritto verso la Mancia!” Andiamo: sette giorni di carrozza! Passo i monti, passo i fiumi, passo i boschi, passo il buco della serratura! “Adelante, adelante!!!”

Porto la colazione a lui, al signor Don Chisciotte. Voilà la petite dèjeuner: Arrosto di castrato, lenticchie, cervella fritta, un picciocino, insalata. “Adelante, adelante, dritto alla Mancia.” Arriviamo in un polverone di cicale. E’ l’alba. Mulino, cuccagna, forca, camposanto. Ecco la sua casa. Credete che io possa bussare e annunciarmi? Mai e poi mai. Devo arrampicarmi sopra un albero e sbirciare la sua finestra. Madonna mia, cosa vedo! Lui seduto a un tavolaccio carico di volumi. Lui vestito di ferro: elmo, spallacce, pettorale, gambali, sproni, il re dei re dei cavalieri erranti. Cosa fa? Piange? Lacrime come perle gli cascano dagli occhi. Legge? No, scrive! Scrive a me. Avete capito? Scrive a me: “Dulcinea, ricamo di luna.”

Cala il sipario

Si alza il sipario

E’ colpa sua! Lui mi ha inventata di sana pianta. Non sa come sono fatta e mi invoca: “Mia leggiadra…” Ma quale leggiadra e leggiadra. Non sa se liscio o pungo, se accarezzo o graffio, se bacio o mordo. Vorrei sapere dove mi ha vista. Mi ha vista all’Olympia dove cantavo: “Ancora una volta e poi mai più” ? Impossibile, troppi, troppi anni fa. Forse al Trocadero dove facevo Cloe nei “Tre nodi d’amore.” Pioveva, come pioveva in quei giorni. Il teatro sempre deserto, tranne il solito bellimbusto che mi seguiva dappertutto e quando apparivo sul palco stappava un bottiglia e la tracannava d’un fiato: “Alla tua salute, diavola della mia anima!” Non sarà stato lui? No, no, el senor Don Chisciotte non mi ha mai vista. Forse gli sono apparsa in sogno. No, non per mia volontà. Mai mi sono sognata di apparire in sogno ad un uomo. In realtà c’è stato un caso. Ero giovane, giovanissima: una farfalla di marzo. Lui era il mio compagno di scuola. Avevo la camicia di pizzo e la gonna, mio Dio! la gonna come una nuvola al vento. Lui camminava sulle mani. Sì, quando mi vedeva faceva una capriola e mi veniva incontro capovolto. Gridava: “Ti ho sognata, ti ho sognata questa notte!!!” Io ridevo come una matta e scappavo felice. I miei sogni? Una volta ho sognato uno sulla riva del mare. Mi ha guardata, mi ha sorriso. Aveva il fuoco negli occhi. Mi ha detto: “Encantado.” Voglio essere sincera, uomini ne ho sognati tanti: Marinai, commessi viaggiatori, giocatori di carte. Adesso Don Chisciotte. Lui mi sogna e io lo sogno. Chi è il più vero? “Encantado!”

Cala il sipario

Si alza il sipario

Non c’incontriamo mai. Io e Don Chisciotte non c’incontriamo mai. Cioè, c’incontriamo sempre, ma nel libro che ha scritto el senor Cervantes. Siamo personaggi, non siamo persone. Lui, Don Chisciotte, vuole vedermi. Dove? Nel capitolo dell’osteria scambiata per castello. Che brivido! Un castello, che importa se in realtà è una bettola. Devo fare la serva Maritornes. Mi batte il cuore. Sapete la storia? Maritornes finisce nel letto di Don Chisciotte che la crede la regina Ginevra. Devo truccarmi da serva. Una serva d’osteria che se la fa con i clienti. Rossetto? Molto rossetto! Orecchini, collane, anelli, braccialetti, tutta la bigiotteria da quattro soldi regalatami dagli avventori della locanda. “Senorita, che vertigine!” e mi infilano al dito un anellino di rame. “Senorita che brace di fuoco.” E mi allacciano al collo un giro di vetrini. Povera Maritornes, vali così poco? Provo la scena. Chiudo gli occhi per fare buio. Muovo un passo, quatta quatta, le mani innanzi. Un altro passo. Un altro ancora. Passo dopo passo esco dalla realtà. Sono nella bettola. Tanfo di stalla. Gente che russa. Mi fermo, immobile, le braccia tese. Non posso aprire gli occhi, l’incantesimo sparirebbe. Un altro passo. Mi fermo. Nel buio sento qualcuno vicino, vicinissimo. Mi tocca! “Don Chisciotte…” “Dulcinea…” E’ fatta. Sono nelle sue braccia. Mi stringe. Spezza il mio cuore di vetro. “Dulcinea…” “Don Chisciotte…” Apro gli occhi. Il gioco è finito. Sono qua, davanti a voi, rispettabile pubblico. Mi trucco. Rossetto. Ombretto. Cipria. Tutti i miei gioielli.

Senoritas e caballeros, cosa vi canterò questa sera? Una canzone di mare? Sì, sì una canzone di mare. C’è burrasca nel mio cuore.

Cala il sipario

3 aprile 2012

4780

 

20120409adamo disegno 003

 

Gli autori di Vorrei
Adamo Calabrese
Author: Adamo Calabrese

Adamo Calabrese è scrittore, autore di teatro e illustratore. Ha pubblicato con Einaudi il romanzo "Il libro del re", con Albatros i libri di racconti "L'anniversario della neve", "La cenere dei fulmini", "Il passaggio dell'inverno", con Joker "Paese remoto". Ha illustrato i propri libri ed edizioni di Dante, Gibran e Pascutto. Scrive e disegna per il quotidiano "Il cittadinio" di Lodi, per le riviste "Vorrei" di Monza e "Odissea" di Milano. I suoi ultimi lavori teatrali hanno messo in scena opere di Brecht, Joyce, San Francesco e Iacopone. Nel 2012 RAITREha trasmesso un suo testo. Nel 2014 è stato finalista del premio internazionale di grafica satirica "Novello". Insegna letteratura presso le Università della terza età di Sesto san Giovanni e Milano (Università Cardinale Colombo)

Qui la scheda personale e l'elenco di tutti gli articoli.

I miei ultimi articoli

Iscriviti alla newsletter
Iscriviti gratis alla nostra newsletter per ricevere gli aggiornamenti e le novità sugli articoli e le iniziative di Vorrei

Per iscriverti devi accettare i nostri termini di utilizzo dei tuoi dati, ovvero la nostra politica riguardo la privacy. Non li cediamo a nessuno e non abusiamo mai! :)