Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Vorrei | Rivista non profit

Dal 2008 rivista non profit di cultura, ambiente e politica. Senza pubblicità.

Comunicati stampa

Attenzione. I materiali pubblicati in questa pagina non sono prodotti da Vorrei.
Vengono pubblicati su richiesta dei mittenti i quali se ne assumono ogni resposabilità.
Inviate i vostri comunicati a: info@vorrei.org

Print Friendly, PDF & Email

Tavolo aria: necessario avviare confronto urgente per individuare automatismi in caso di gravi emergenze. Più sostegno a misure strutturali usando al meglio risorse disponibili e i fondi UE, anche in partnership con i comuni.

Milano, 12 gennaio 2015 - "Il tavolo aria riunito in regione è stato positivo perché dopo quasi un anno ha rimesso attorno a un tavolo comuni, rappresentanti delle categorie e associazioni per individuare le misure in idonee per affrontare le emergenze e per sostenere gli interventi strutturali più adatti per ridurre ulteriormente l'inquinamento da Pm10, che comunque rispetto a dieci anni fa ha registrato una sensibile riduzione". Lo dichiara Roberto Scanagatti, presidente di Anci Lombardia e sindaco di Monza. "In particolare l'annunciato stop agli euro 3 Diesel che sarà inserito dalla Regione nei provvedimenti che scatteranno nella prossima stagione invernale nei 209 comuni della fascia 1, risponde a una delle richieste avanzate da Anci Lombardia nei giorni scorsi. Nei prossimi mesi sarà indispensabile individuare incentivi per accelerare la sostituzione dei veicoli più inquinanti da parte delle fasce di popolazione più deboli e degli operatori commerciali" sostiene Scanagatti. "Per quel che riguarda la gestione dell'emergenza - continua il Presidente di ANCI Lombardia - è importante la disponibilità della Regione di convocare rapidamente un tavolo ristretto per decidere quali automatismi adottare in presenza di gravi e prolungate emergenze come quella registrate nelle scorse settimane. Sui controlli i sindaci e regione chiedono al ministero dei trasporti l'omologazione delle telecamere già installate affinché possano essere utilizzate anche per sanzionare il mancato rispetto dei divieti antismog". "Sulle misure strutturali infine la Regione deve usare al meglio le risorse disponibili per promuovere efficientemente energetico e sostegno al trasporto pubblico, anche mettendosi in partnership con gruppi di comuni per accedere in modo più deciso ai fondi europei" ha concluso Scanagatti.

Ufficio stampa Anci Lombardia

 

Iscriviti alla newsletter
Iscriviti gratis alla nostra newsletter per ricevere gli aggiornamenti e le novità sugli articoli e le iniziative di Vorrei

Per iscriverti devi accettare i nostri termini di utilizzo dei tuoi dati, ovvero la nostra politica riguardo la privacy. Non li cediamo a nessuno e non abusiamo mai! :)