Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Vorrei | Rivista non profit

Dal 2008 rivista non profit di cultura, ambiente e politica. Senza pubblicità.

Comunicati stampa

Attenzione. I materiali pubblicati in questa pagina non sono prodotti da Vorrei.
Vengono pubblicati su richiesta dei mittenti i quali se ne assumono ogni resposabilità.
Inviate i vostri comunicati a: info@vorrei.org

Print Friendly, PDF & Email

Il Presidente Ponti e le Organizzazioni Sindacali della Brianza sul futuro della Camera di Commercio MB:

 “Non affrettare decisioni che meritano riflessione e percorsi di condivisione

Monza, 14 gennaio 2016. Si è svolto ieri a Monza, presso la sede della Provincia, un incontro tra il Presidente Gigi Ponti e i Segretari delle Organizzazioni Sindacali della Brianza,Maurizio Laini - CGIL, Marco Viganò - CISL, Luigi Soldavini – UIL. All’ordine del giorno i temi caldi che riguardano i servizi erogati dalla Provincia, al centro della complessa riforma Delrio che sta trasformando le Province in Aree vaste.

Tra le priorità sul tavolo il taglio alle risorse destinate al trasporto pubblico in Brianza che – come già annunciato dal Presidente ai Ministri competenti – rischia di lasciare7000 viaggiatori a piedi, la soppressione di 228 corse giornaliere e una stima di 46 posti di lavoro persi nel settore.

Circa i futuri assetti istituzionali della Brianza, grande preoccupazione è emersa rispetto al destino della Camera di Commercio MB, da sempre fiore all’occhiello del territorio e simbolo di un’autonomia faticosamente conquistata da Milano già nel 2007.

“Le notizie che giungono da Roma confermano che la nostra Camera di Commercio ha tutti i numeri per restare autonoma, senza individuare forzosamente percorsi di aggregazione – spiegano Ponti e le Organizzazioni Sindacali – Ciò a ulteriore conferma della peculiarità del nostro territorio e della straordinaria vivacità delle nostre imprese che hanno contribuito a rendere grande nel mondo il Made in Brianza”.

“Non è il momento di affrettare percorsi di fusione non richiesti e non urgenti – ribadiscono – percorsi che, qualora considerati, meritano valutazioni ponderate e condivisione, soprattutto alla luce del sicuro impoverimento che ciò comporterebbe per il nostro tessuto economico. La Camera, infatti, rappresenta un baluardo di coesione e di valorizzazione per la Brianza, che rischierebbe di perdere uno dei suoi principali motori di sviluppo”.

Ufficio stampa Provincia di MB

 

Iscriviti alla newsletter
Iscriviti gratis alla nostra newsletter per ricevere gli aggiornamenti e le novità sugli articoli e le iniziative di Vorrei

Per iscriverti devi accettare i nostri termini di utilizzo dei tuoi dati, ovvero la nostra politica riguardo la privacy. Non li cediamo a nessuno e non abusiamo mai! :)