Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Vorrei | Rivista non profit

Dal 2008 rivista non profit di cultura, ambiente e politica. Senza pubblicità.

Comunicati stampa

Attenzione. I materiali pubblicati in questa pagina non sono prodotti da Vorrei.
Vengono pubblicati su richiesta dei mittenti i quali se ne assumono ogni resposabilità.
Inviate i vostri comunicati a: info@vorrei.org

Print Friendly, PDF & Email

TESTIMONIANZA DI GILBERTO SALMONI

Il Consorzio Brianteo Villa Greppi, all’interno del programma dei Percorsi nella Memoria 2016 propone la testimonianza di Gilberto Salmoni, genovese, sopravvissuto alla deportazione nei lager nazisti.  Gilberto Salmoni racconterà la sua storia in due occasioni, a Besana Brianza e Sirtori, accompagnato dal ricercatore Puccy Paleari:

  • giovedì  21 gennaio alle 21.00  presso la sala consiliare Villa Borrella, via Roma 1 a Besana in Brianza

  • venerdì 22 gennaio alle 19.00 presso l’aula magna Niso Fumagalli a Sirtori

Gilberto Salmoni è nato a Genova nel 1928, il 17 aprile del 1944, all’età di 16 anni, viene arrestato dalla Milizia della guardia della Repubblica di Salò alla frontiera Svizzera dove era arrivato con la famiglia: papà, mamma, il fratello, la sorella e il cognato grazie a due guide che cercavano di portarli oltre il confine.

Dopo l’arresto vengono portati al carcere di Bormio per gli interrogatori, in seguito a Tirano dove vengono consegnati alla gendarmeria tedesca che li scorta in treno fino a Como, dove vengono presi in carico dalle SS. Un nuovo spostamento a Milano a San Vittore e poi a Fossoli.

Dopo un breve periodo un nuovo viaggio, quello verso la Germania, quello della separazione della famiglia, Gilberto e il fratello vengono mandati a Buchenwald, i genitori e la sorella ad Auschwitz.

A Buchenwald, ormai era il mese di agosto, dopo le procedure di ingresso, la spoliazione, la doccia e la depilazione, Gilberto e il fratello, di 15 anni più grande, vengono mandati in quarantena e gli viene assegnato il numero di matricola, il 44573 e il 44529. Iniziano i lavori forzati, la scarsissima alimentazione del campo, le privazioni, l’ostinazione dei due fratelli a restare insieme che li porta a rischiare la vita,  fino alla liberazione nell’aprile del 1945 da parte delle truppe americane.  La vicenda di Gilberto non termina però con la liberazione, perché i prigionieri italiani vengono abbandonati a se stessi e lui e il fratello devono trovare il modo di rientrare in Italia. Soli, senza aiuto, riescono a rientrare a Genova dopo due mesi di viaggio, scoprendo al loro ritorno che  il resto della famiglia aveva perso la vita ad Auschwitz. 

 

Iscriviti alla newsletter
Iscriviti gratis alla nostra newsletter per ricevere gli aggiornamenti e le novità sugli articoli e le iniziative di Vorrei

Per iscriverti devi accettare i nostri termini di utilizzo dei tuoi dati, ovvero la nostra politica riguardo la privacy. Non li cediamo a nessuno e non abusiamo mai! :)