Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Vorrei | Rivista non profit

Dal 2008 rivista non profit di cultura, ambiente e politica. Senza pubblicità.

Comunicati stampa

Attenzione. I materiali pubblicati in questa pagina non sono prodotti da Vorrei.
Vengono pubblicati su richiesta dei mittenti i quali se ne assumono ogni resposabilità.
Inviate i vostri comunicati a: info@vorrei.org

Print Friendly, PDF & Email

 

Costituzione Gruppo Consiliare “Partito Democratico” e commenti dopo il primo Consiglio Comunale
 
Concorezzo, giovedì 3 luglio 2014

Martedì 1° luglio è stata depositata la comunicazione di costituzione del gruppo consiliare “Partito Democratico”, formato dai consiglieri Silvia Cavenaghi (capogruppo) e Alessandro Magni. La scelta rispecchia l’impegno che il Partito Democratico ha assunto con i propri elettori presentandosi con una propria lista durante l’ultima tornata elettorale, e vuole garantire al candidato sindaco Massimo Canclini la rappresentanza della coalizione che lo ha appoggiato e la visibilità che gli spetta. Il Partito Democratico di Concorezzo auspica che lo stile della seconda Amministrazione Borgonovo faccia dei passi avanti rispetto a quanto visto negli ultimi anni, instaurando un vero dialogo, nelle commissioni e in Consiglio, con le opposizioni. Le speranze in questo senso hanno però già subìto uno stop. Nel corso del primo Consiglio Comunale del 27 giugno, come da regolamento, diverse sono state le votazioni e le delibere “istituzionali”, e il momento più importante era rappresentato dall’elezione del Presidente del Consiglio Comunale, figura presente nei Comuni con più di 15.000 abitanti. Oltre a non aver minimamente consultato le opposizioni per capire se ci fosse, tra i consiglieri di maggioranza, un nome condiviso da proporre per la carica di Presidente e/o di Vice-Presidente, l’Amministrazione è stata protagonista di uno scivolone: già dalla mattina, nella pagina dedicata ai gruppi di maggioranza in Consiglio Comunale sul sito del Comune, accanto al nome del consigliere Mauro Capitanio appariva la dicitura “Presidente del Consiglio Comunale”. Quando la cosa è stata fatta notare al Sindaco, la scritta è scomparsa nel giro di pochi minuti, per poi ricomparire altrettanto in fretta a elezione avvenuta. Chi ben comincia…

 

Iscriviti alla newsletter
Iscriviti gratis alla nostra newsletter per ricevere gli aggiornamenti e le novità sugli articoli e le iniziative di Vorrei

Per iscriverti devi accettare i nostri termini di utilizzo dei tuoi dati, ovvero la nostra politica riguardo la privacy. Non li cediamo a nessuno e non abusiamo mai! :)