Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Vorrei | Rivista non profit


Comunicati stampa

Attenzione. I materiali pubblicati in questa pagina non sono prodotti da Vorrei.
Vengono pubblicati su richiesta dei mittenti i quali se ne assumono ogni resposabilità.
Inviate i vostri comunicati a: info@vorrei.org

Print Friendly, PDF & Email

 

Stefano Bollani, Piano Solo!

Per la seconda serata del Festival di Villa Arconati ritorna sul palco, a distanza di tre anni dal suo ultimo passaggio, Stefano Bollani, questa volta con il suo “Piano Solo” a cui affiderà il sorprendente equilibrio tra profonde atmosfere classiche e pirotecnici virtuosismi pop-jazz, all’insegna di profondità e di leggerezza che alimentano e qualificano il talento straordinario di questo geniale artista.

Affabulatore di musica in tv, Bollani resta principalmente, un grande pianista assolutamente completo, non definibile pertanto esclusivamente in ambito jazz.  L’artista, infatti, è un puzzle di musica, simpatia, estemporaneità che si fondono in continuazione per poi cogliere e plasmare i suoni in un continuo dialogo fra improvvisazione e canzone, tra lui e il pubblico.

Il suo precoce genio creativo, emerso già dall’età di sei anni, gli permise di dialogare con generi lontani tra loro, formandosi musicalmente sia con gruppi pop-rock che con gruppi jazz.  La sua vena artistica è spesso legata alla letteratura, minuziosa chiave di lettura che lo guida in molte delle sue creazioni musicali e opere letterarie, come: La Gnosi delle Fanfole di Fosco Maraini; Les fleures bleues, omaggio allo scrittore Raymond Queneau; L'America di Renato Carosone, piccolo libro-saggio dedicato al grande e popolare pianista; La sindrome di Brontolo, suo primo romanzo; Parliamo di musica, suo ultimo libro edito da Mondadori.

Stefano Bollani per questa edizione del Festival 2014 eseguirà il suo spettacolo PIANO SOLO, contenitore di repertori virtuosamente eseguiti, senza alcuna scaletta e ricostruiti ogni volta in maniera differente, e liberamente proposti dal suo genio spiazzante.

Dal Brasile alla canzoni degli anni ’40; con l’aggiunta dei bis richiesti dal pubblico, in cui l’artista mescola dieci brani come se fosse un dj.

Il concerto è collegato al progetto “LuxExForma®” (http://www.luxexforma.it/home.cfm), canale di comunicazione dell’azienda Luxoro, dedicato alla bellezza e alla forma attraverso il design e la creatività e che sarà oggetto di una mostra aperta al pubblico, dalle 19.30 alle 21.30, durante i prossimi concerti del Festival.