Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Vorrei | Rivista non profit


Comunicati stampa

Attenzione. I materiali pubblicati in questa pagina non sono prodotti da Vorrei.
Vengono pubblicati su richiesta dei mittenti i quali se ne assumono ogni resposabilità.
Inviate i vostri comunicati a: info@vorrei.org

Print Friendly, PDF & Email

ISA/LAS DI VIA BOCCACCIO MONZA

Il presidente del Consiglio di Istituto, Luigi Dionisio, e il Presidente del Comitato dei Genitori, Luciano Morabito, invitano i genitori a prendere visione dell’appello e a partecipare attivamente alle iniziative per garantire ai nostri giovani una scuola di qualità dal punto di vista delle strutture e della formazione.

Appello alle Istituzioni per il mantenimento e la sicurezza dell’ISA/LAS di Monza

L’Istituto Statale d’Arte/Liceo Artistico Statale di Monza versa in cattive condizioni per i diversi tagli economici, effettuati negli anni, che hanno inciso negativamente anche sui fondi, destinati agli Enti Locali, per il mantenimento e la sicurezza degli Edifici scolastici.

La scuola ospita giornalmente circa 900 ragazzi ed è per loro, oltre che un luogo di educazione, apprendimento e cultura, anche un luogo di vita: passano, infatti, molte ore della loro esistenza nei locali scolastici e necessitano di essere ospitati in luoghi sicuri, igienicamente puliti e funzionali, gradevoli nell’aspetto.

L’ISA/LAS di Monza é inserita nel complesso architettonico della Villa Reale di Monza ed è da molto tempo bisognevole di ristrutturazione tanto che nell’estate del 2011, è stata riscontrata l’inagibilità di uno degli edifici scolastici denominato ex-Borsa, nel quale erano collocate 8 aule ed un laboratorio della stessa scuola.

Da allora si sono tenuti diversi incontri tra gli esponenti dell’Amministrazione Comunale,  Provinciale, Regionale ed i rappresentanti della scuola, che hanno portato a tamponare l’emergenza dovuta alla mancanza di aule e del laboratorio. Purtroppo ad oggi non si è pervenuti ad una soluzione, nemmeno di prospettiva, per il recupero dello stabile pericolante.

Ciò determina una pesante carenza di spazi per la scuola e inoltre, essendo l’edificio limitrofo all’ingresso pedonale e carraio della scuola, costituisce  anche un costante pericolo per l’incolumità degli studenti.

Questa scuola necessita di ulteriori interventi straordinari per le infiltrazioni più o meno gravi al tetto del corpo principale dell’edificio scolastico che, se effettuate in tempo, potrebbero evitare il degenerare della situazione già critica.

Le richieste in tal senso alle Autorità competenti rimangono quasi sempre pratiche inevase per scarsità di fondi ed abbondanza di burocrazia amministrativa.

Pur consapevoli di essere in un periodo di grave difficoltà economica, noi crediamo sia importante dare alla sicurezza delle scuole una priorità assoluta che sembra attualmente essere una priorità anche a livello regionale e nazionale.

La ristrutturazione dell’edificio ex Borsa risolverebbe tutti i problemi logistici della scuola e non solo: permetterebbe di pensare ad una dimensione più rispondente alle esigenze attuali e future dello sviluppo delle arti per il nostro territorio.

I nuovi laboratori di arti visive e di arti multimediali, aggiungendosi a quelli di artigianato e uniti ad uno spazio espositivo potrebbero essere una ricchezza davvero significativa per tutto il territorio, posti come sono nel complesso della Villa Reale. 

È per questo che sollecitiamo il Presidente del Consiglio, il Presidente della Regione Lombardia il Presidente della Provincia di Monza e Brianza, il Sindaco di Monza, i Ministri e gli Assessori competenti per materia ad agire nell’immediato al fine di dare una svolta definitiva per il recupero degli edifici scolastici destinati all’ISA/LAS di Monza.

Presidente Consiglio di Istituto 

Luigi Dionisio

Presidente Comitato Genitori

Luciano Morabito

Questa petizione e stata inviata agli Amministratori, Nazionali, Regionali, Provinciali e Comunali è stata inviata anche ai genitori della scuola con preghiera di inviarla ai destinatari, mi auguro che ne arrivino un migliaio ad ognuno.

Luciano Morabito