Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Vorrei | Rivista non profit


Comunicati stampa

Attenzione. I materiali pubblicati in questa pagina non sono prodotti da Vorrei.
Vengono pubblicati su richiesta dei mittenti i quali se ne assumono ogni resposabilità.
Inviate i vostri comunicati a: info@vorrei.org

Print Friendly, PDF & Email

Immigrazione e integrazione: domani sera vice sindaco di Monza a incontro pubblico organizzato da associazioni. Con Pezzotta e assessore di Lampedusa. Documentari, teatro, riflessioni. Dalle ore 18.30, Urban Center (via Turati 6)

Monza, 24 gennaio 2014 - Il vicesindaco di Monza, Cherubina Bertola, parteciperà domani sera all’incontro sostenuto dal Comune e organizzato dalle associazioni Arci Scuotivento e Paciamoci per discutere di immigrazione e integrazione attraverso documentari, rappresentazioni teatrali, riflessioni, piccole mostre e condivisione di buffet etnici. Una serata in cui interverranno anche, dalle 21, l’ex segretario generale della Cisl, Savino Pezzotta, ora presidente del Comitato italiano per i rifugiati, l’assessore di Lampedusa, la monzese Franca Parizzi e Gabriele Del Grande,fondatore dell’Osservatorio sulle morti nel Mediterraneo Fortress Europe.

Durante l’incontro saranno ripercorse le tragedie più recenti – come quella di Lampedusa, in cui hanno perso la vita più di 300 persone, tra cui bambini e donne, in seguito all’affondamento di un barcone – ma anche raccontati i casi di buona e riuscita integrazione, presenti anche a Monza. Nel capoluogo brianzolo, secondo gli ultimi dati del Comune, i cittadini di origine straniera regolari residenti sono aumentati del 7,6% rispetto all’anno precedente e ora rappresentano il 12,5% della popolazione. Sempre nel 2012 un bambino su quattro nato in città è figlio di genitori immigrati di origine straniera.

“Per una maggiore coesione sociale – commenta il vicesindaco e assessore alle Politiche sociali, Bertola – dobbiamo puntare ancora di più su dialogo, confronto, condivisione di percorsi, proprio come faremo con questa iniziativa, che non è il solito dibattito ma un format intelligente che può attrarre e coinvolgere molte più persone nella discussione di temi di estrema attualità. Anche nella società monzese, nelle scuole, nei nidi, oggi i nuovi cittadini sono una realtà che è giusto e utile far crescere insieme a tutti noi”.

“Clandestino chi?”, Sabato 25 gennaio, dalle 18.30 all’Urban Center di Via Turati 6 – MONZA

Ufficio stampa del Comune