Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Vorrei | Rivista non profit


Comunicati stampa

Attenzione. I materiali pubblicati in questa pagina non sono prodotti da Vorrei.
Vengono pubblicati su richiesta dei mittenti i quali se ne assumono ogni resposabilità.
Inviate i vostri comunicati a: info@vorrei.org

Print Friendly, PDF & Email

La Lampada di Aladino onlus, da circa 13 anni offre assistenza globale ai malati oncologici e ai loro familiari durante la fase acuta e post-acuta di malattia, creando percorsi individualizzati. Una struttura dove non si cura il cancro, ma le persone che vivono l’esperienza del cancro.

Tra le varie opportunità offerte dalla struttura brugherese e in seguito alle numerose segnalazioni e richieste pervenute, nell’ottica di offrire supporto strutturato anche rispetto ai diritti del malato oncologico, è nata una collaborazione con il Patronato Inca Cgil di Monza e Brianza, attraverso la quale l’utenza che si rivolge alla struttura brugherese della Lampada potrà ricevere le informazioni di base per poi essere indirizzata al Patronato per le informazioni e/o l’espletamento di pratiche relative alla tutela previdenziale e assistenziale riconosciute dagli Enti.

Quali sono i miei diritti e gli adempimenti in caso di malattia oncologica? Come posso muovermi per saperne di più sull’invalidità civile? E la 104 per farmi accompagnare dal mio congiunto? Vorrei chiedere una riduzione di orario temporaneo, fino a che starò meglio… E quando la malattia oncologica è legata a malattia professionale?

Queste sono alcune delle numerose domande che le persone si pongono quando in casa piomba senza preavviso una malattia importante come quella oncologica.

Per svolgere al meglio e nel modo più discreto possibile la funzione di tutela, l’utenza dopo un primo contatto e orientamento presso la sede de La Lampada di Aladino onlus di via Dante 108 a Brugherio, verrà indirizzata al Patronato Inca Cgil con un appuntamento dedicato e senza attese, per riservare loro il tempo necessario all’approfondimento della propria situazione.