Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Vorrei | Rivista non profit

Dal 2008 rivista non profit di cultura, ambiente e politica. Senza pubblicità.

Comunicati stampa

Attenzione. I materiali pubblicati in questa pagina non sono prodotti da Vorrei.
Vengono pubblicati su richiesta dei mittenti i quali se ne assumono ogni resposabilità.
Inviate i vostri comunicati a: info@vorrei.org

Print Friendly, PDF & Email

Nella mattinata di mercoledì 6 novembre 2013 le lavoratrici e i lavoratori della Electrolux di Solaro manifesteranno davanti la sede di Regione Lombardia. Le organizzazioni sindacali territoriali FIM FIOM UILM hanno chiesto un incontro urgente al Presidente della Regione Lombardia Roberto Maroni e all'Assessore alle Attività Produttive Mario Melazzini per discutere della situazione delicata venutasi a creare con il nuovo piano di riorganizzazione presentato a livello nazionale da Electrolux. Il piano presentato da Electrolux mette pesantemente a rischio il futuro dei 4 stabilimenti del nostro Paese e prevede, per quanto riguarda il sito di Solaro (912 dipendenti), il trasferimento in Polonia di una importante linea di produzione e 75 esuberi che si aggiungono ai 282 esuberi già dichiarati. Una situazione di questo tipo richiede un intervento diretto dei Presidenti delle Regioni dove sono ubicati i siti e delle istituzioni locali e in tal senso si chiede ai rappresentanti di Regione Lombardia un incontro nella giornata di  mercoledì 6 novembre per affrontare questa vertenza.

Per la Fim Cisl MBL Lorenzo Ballerini

Gianluigi Redaelli

Segretario generale aggiunto Fim Cisl Monza Brianza Lecco

responsabile Provincia Monza e Brianza

Via Dante 17/A

20900 Monza

 

Iscriviti alla newsletter
Iscriviti gratis alla nostra newsletter per ricevere gli aggiornamenti e le novità sugli articoli e le iniziative di Vorrei

Per iscriverti devi accettare i nostri termini di utilizzo dei tuoi dati, ovvero la nostra politica riguardo la privacy. Non li cediamo a nessuno e non abusiamo mai! :)