Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Vorrei | Rivista non profit


Comunicati stampa

Attenzione. I materiali pubblicati in questa pagina non sono prodotti da Vorrei.
Vengono pubblicati su richiesta dei mittenti i quali se ne assumono ogni resposabilità.
Inviate i vostri comunicati a: info@vorrei.org

Print Friendly, PDF & Email

Legambiente Circolo di Monza

Mal’Aria a Monza: raggiunti i 35 giorni di superamento dei limiti di PM10

Invidiabile primato del capoluogo brianzolo in fatto di inquinamento atmosferico.

Dopo soli 54 giorni del calendario 2013, Monza ha superato, per ben 35 giorni, il limite delle concentrazioni di PM10 consentito dall’Unione Europea. Questo vuol dire che ogni 5 giorni per ben 3 l’aria è stata irrespirabile. Per fortuna che le condizioni metereologiche ci hanno dato una mano rispetto agli anni scorsi.

Monza, e la sua provincia, si confermano sempre nelle prime posizioni tra i territori con i maggior livelli di concentrazioni di PM10. L'aria della città, in questi 54 giorni, ha raggiunto il valore massimo di concentrazioni di polveri sottili, pari a 119 microgrammi per metrocubo, il 15 Febbraio ed ha superato i 63 mg/mc come valore medio.

“Nel rapporto di Mal’Aria 2012 – precisa Atos Scandellari presidente del circolo Legambiente di Monza - ben 8 comuni lombardi, posti in pianura, sono stati tra i primi 25 della nera classifica nazionale. Il primato è spettato a Cremona, con 118 sforamenti (terza in classifica generale); era seguita da Brescia e Milano (parimerito al 6° posto con 106 giorni). Monza si è collocata decima in classifica generale, ma al 5° posto tra i comuni lombardi con 96 giorni, subito dietro a Bergamo. Se non si avviano progetti di ampio respiro per ridurre la mobilità automobilistica, ci chiediamo cosa sarà per Monza a fine anno ?”

 “Quello che ci fa rabbia – prosegue Atos Scandellari - è che il Comune di Monza ha gli strumenti per ridurre i livelli di inquinamento ma non vuole metterli in pratica. Oltre ai progetti delle piste ciclabili, che stentano a realizzare, ci sono il Piano Generale del Traffico Urbano ed il potenziamento e la modernizzazione del trasporto pubblico. E’ vero che l’azione di un singolo non risolve il problema, ma ogni cittadino ed ogni amministrazione hanno il dovere di fare la propria parte senza aspettare disposizioni superiori che tardano ad arrivare”.

Circolo Legambiente di Volontariato Alex Langer - Monza


Monza, 26.02.2013