Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Vorrei | Rivista non profit


Comunicati stampa

Attenzione. I materiali pubblicati in questa pagina non sono prodotti da Vorrei.
Vengono pubblicati su richiesta dei mittenti i quali se ne assumono ogni resposabilità.
Inviate i vostri comunicati a: info@vorrei.org

Print Friendly, PDF & Email

Altro “mistero ” del trasporto pubblico a Monza: biglietti quasi impossibili da trovare nelle periferie
E i passeggeri di Net sono in calo dal 2010.

Net, l’azienda che gestisce gli autobus a Monza, si difende e sostiene di essere interessata al nu mero dei trasportati, perché gli incassi per i biglietti sono a suo vantaggio. La scorsa settimana avevamo svelato che i fondi per il trasporto pubblico vengono erogati a Net in base ai chilometri/autobus, senza riferimento al numero dei titoli di viaggio venduti o dei passeggeri. Una situazione che l’assessore comunale alla mobilità Confalonieri, esperto del settore, ha l’altro ieri pubblica mente definito “una distorsione” che andrà corretta. Bisogna sapere innanzi tutto che i titoli di viaggio costituiscono circa il 20% delle entrate di Net mentre il “piatto forte” sono i soldi dei contribuenti che Provincia e Comune versano. E’ comunque una sorpresa scoprire che, dal 20 10 ad oggi, il numero dei titoli di viaggio venduti da Net è progressivamente sceso. Non è un dato che emerge a prima vista dentro il bilancio della società, ma facilmente ricavabile da ll’analisi di un esperto. U na tendenza negativa sulla quale riflettere, visto che le statistiche danno i pas seggeri del trasporto pubblico in aumento in Europa e anche in Italia. Del resto, i biglietti Net sono molto difficili da trovare, specialmente in periferia, perché spesso le rivendite ne sono sprovviste. Monitorando il servizio, que -sto è uno dei problemi che abbiamo rilevato con maggiore frequenza nelle testi-monianze degli utenti e degli stessi rivenditori. Aggiungiamo che la domenica e i festivi è un’impresa anche sol tanto trovare un punto vendita aperto. Sarà un caso, ma una delle zone nelle quali scarseggiano i biglietti da molto tempo è quella Sant’Albino, San Donato, Regina Pacis , là dove la linea Z266 è stata soppressa. Dice Isabella Tavazzi, portavoce del Comitato San Fruttuoso 2000: “Se i cittadini hanno una percezione negativa del servizio Net e tendono a snob -barlo, qualche ragione ci sarà. I biglietti difficili da trovare s ono un altro indica tore importante di qualcosa che non funziona nella gestione dei bus pubblici. In vitiamo Net a ricercare le ragioni di questo problema ed a ri sol-verlo, dando pubblica comunicazione di quanto scoperto e dei rimedi adot -tati, in massima trasparenza e con rispetto verso gli utenti e i contribuenti ”. E i “misteri” del trasporto pubblico a Monza non sono finiti qui ….

22 gennaio 2013