Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Vorrei | Rivista non profit

Dal 2008 rivista non profit di cultura, ambiente e politica. Senza pubblicità.

Comunicati stampa

Attenzione. I materiali pubblicati in questa pagina non sono prodotti da Vorrei.
Vengono pubblicati su richiesta dei mittenti i quali se ne assumono ogni resposabilità.
Inviate i vostri comunicati a: info@vorrei.org

Print Friendly, PDF & Email

Comune di Monza chiede alla Provincia di raddoppiare le aree agricole strategiche inserite nel Piano territoriale provinciale. Lo prevede una delibera della giunta Scanagatti. Abolita anche la Commissione edilizia: meno perdite di tempo e risparmi per 30 mila euro annui

Monza, 31 luglio 2012 – La giunta comunale di Monza guidata dal sindaco Roberto Scanagatti nell’ultima riunione ha approvato due delibere proposte dall’assessore alle Politiche urbanistiche Claudio Colombo.

La prima chiede formalmente alla Provincia di Monza di inserire tra le aree agricole strategiche tutelate dal Piano territoriale di coordinamento provinciale (Ptcp), in fase di approvazione da parte di Palazzo Grossi, 1,7 milioni di metri quadrati di aree agricole, in precedenza escluse dal Ptcp, tra cui l’area della Cascinazza, della Boscherona e del Casignolo, una grande area nei pressi di Viale Campania. In questo modo le aree agricole monzesi sottoposte a ulteriore tutela potrebbero quasi raddoppiare, arrivando a raggiungere 3,6 milioni di metri quadrati. La formalizzazione della richiesta alla Provincia giunge dopo la revoca della variante del Pgt, proposta dalla nuova amministrazione Scanagatti e approvata dal Consiglio comunale, variante che prevedeva forti espansioni edilizie su buona parte delle aree verdi e agricole.

La seconda delibera riguarda l’eliminazione della Commissione edilizia, che comportava un costo di 30 mila euro annui tra gestione e gettoni di presenza per i membri che ne facevano parte. Come prevede la legge, ora sarà operativa solo la Commissione paesaggio, i cui membri ne fanno parte a titolo onorario, quindi senza nessun costo per compensi a carico del Comune. Monza era uno dei pochi comuni ad aver mantenuto in vita una commissione aggiuntiva non più necessaria, che aumentava i tempi di attesa di cittadini e operatori, generando spesso anche incomprensioni e contraddizioni con i pronunciamenti della Commissione paesaggio.

“Proseguiamo nel nostro percorso per una più efficace tutela del territorio attraverso tutti gli strumenti urbanistici disponibili – commenta il Sindaco Roberto Scanagatti. Allo stesso tempo andiamo avanti con la semplificazione della macchina amministrativa e con la riduzione dei costi, andando incontro alle giuste esigenze dei cittadini e delle imprese”.

Ufficio stampa del Comune di Monza

 

Iscriviti alla newsletter
Iscriviti gratis alla nostra newsletter per ricevere gli aggiornamenti e le novità sugli articoli e le iniziative di Vorrei

Per iscriverti devi accettare i nostri termini di utilizzo dei tuoi dati, ovvero la nostra politica riguardo la privacy. Non li cediamo a nessuno e non abusiamo mai! :)