Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Vorrei | Rivista non profit


Comunicati stampa

Attenzione. I materiali pubblicati in questa pagina non sono prodotti da Vorrei.
Vengono pubblicati su richiesta dei mittenti i quali se ne assumono ogni resposabilità.
Inviate i vostri comunicati a: info@vorrei.org

Print Friendly, PDF & Email

IL NUOVO RUOLO DEL TERZO SETTORE E DELLA COOPERAZIONE SOCIALE NELLA GESTIONE DEL WELFARE

 L’economia e con essa la società sta attraversando un cambiamento epocale..le imprese e i mercati attuali si stanno progressivamente allontanando dal modello con cui li abbiamo conosciuti, vissuti e descritti solo poco tempo fa ..in particolare diminuisce ai fini del successo e della durata delle imprese il peso relativo ai capitali tecnologici e finanziari e aumenta quello delle persone ( del capitale umano) del capitale sociale e civile  e dei beni relazionali ..le imprese sia le piccole che le grandi oggi crescono e muoiono soprattutto per la inadeguate capacità di tenere assieme persone con motivazioni e  preferenze diverse , in un mercato in cui i ruoli della gerarchia , dei sindacati e della politica ( i collanti delle imprese e delle organizzazioni tradizionali) stanno cambiando rapidamente e radicalmente

(da -Smerilli/ Bruni La leggerezza del ferro: un’introduzione alla teoria economica delle organizzazioni a Movente Ideale ed.Vita e pensiero -2011)

Aspetti molto importanti riguardano l’identità e il ruolo del Terzo Settore (sia quello che accentua le funzioni di advocacy e tutela, sia quello che interviene, come impresa, nella gestione del welfare) nel rapporto con l’istituzione Pubblica e viceversa.

La Regione Lombardia, con i recenti dispositivi (DGR 937/010 e 1535/11 e successivi applicativi ha definito la tipologia e le modalità di procedure di affidamento al Terzo Settore;  ha positivamente stabilito l’importanza delle pratiche di partecipazione alle funzioni programmatorie delle espressioni organizzate della società e la valorizzazione degli aspetti progettuali su quelli di costo nelle scelte di affidamento di servizi e prestazioni.

Il corso si propone di affrontare  concretamente il tema della identità e di modelli e procedure innovative ed anche di interrogarsi sul contrasto alla illegalità dei comportamenti di dumping nell’offerta di servizi al di sotto dei costi di produzione, anche fra realtà non profit .

Giornata  1   LUNEDI’ 11 GIUGNO 2012 ORE 9-14

“Come cambia la Pubblica Amministrazione; rapporti tra Cooperazione di tipo A ed Enti Locali: analisi di casi ed esemplificazione di modelli”

Relatore: Michele Bertola  presidente Comitato Etico ANDIGEL (Associazione Nazionale Direttori Generali Enti Locali - www.direttorigenerali.it)

Presso Sale Oasi San Gerardo - via Gerardo dei Tintori 18, Monza

Giornata  1   GIOVEDI’ 14 GIUGNO 2012 ORE 14-18

“Quale economia nell’era dei beni comuni?”

Relatori: Luigino Bruni direttore corso di perfezionamento “Economia Civile e non profit” Università Milano Statale Bicocca; Stefano Zamagni Università di Bologna

Presso Edificio U6 Università degli Studi di Milano Bicocca – Piazza dell’Ateneo Nuovo 1, Milano

 Giornata 3   MARTEDI 26 GIUGNO  2012 14-19

“La Gestione del Welfare tra Pubblico e Privato. Come cambiano le Politiche Regionali e Nazionali”

Relatore:  Valentina Ghetti  di  Lombardia Sociale – www.lombardiasociale.it

-Tavola rotonda  “I problemi del territorio/ buone prassi di rapporto pubblico privato”.

Invitati: Confindustria, Confcooperative, Sindacato, Camera di Commercio, Artigiani, Lega Coop, Cdo, Consorzi…

Presso Sale Oasi San Gerardo - via Gerardo dei Tintori 18, Monza