Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Vorrei | Rivista non profit

Dal 2008 rivista non profit di cultura, ambiente e politica. Senza pubblicità.

Comunicati stampa

Attenzione. I materiali pubblicati in questa pagina non sono prodotti da Vorrei.
Vengono pubblicati su richiesta dei mittenti i quali se ne assumono ogni resposabilità.
Inviate i vostri comunicati a: info@vorrei.org

Print Friendly, PDF & Email

Il 16 giugno 2012 alle ore 17:00
inaugura la mostra
"ri(e)voluzione è... Arte sta a Poesia come Poesia sta Arte"
che proseguirà fino al 28 giugno presso la Galleria Civica in via Camperio 1 a Monza
orari di apertura: da martedì a venerdì 15.00-19.00; sabato e domenica 10.00-12.00 e 15.00-19.00
Durante l'esposizione ci sarà una live performance di Poesia e Arte dal titolo:
"Parole e Segni: nutrire cervello e anima" performance live di poesia con Anna Mosca.
La poetessa ispirerà i partecipanti a tracciare il loro segno artistico declamando i suoi versi domenica 24 giugno dalle ore 11 alle ore 13.

Questi i freddi dati, quelli che servono alla stampa per inserire l'appuntamento nelle loro testate...ma dietro c'è un mondo fatto di passione e creatività, fatto di ansie da prestazione e patos, fatto di persone che amano quello che fanno e cercano di farlo al meglio e lo fanno nella speranza che gli artisti coinvolti spicchino il volo o, in alcuni casi, proseguano il loro viaggio con una marcia in più. Come iniziare a spiegare questa impresa che ci vede protagonisti fino al secondo prima della grande inaugurazione? Forse iniziare dal principio non è male... dal più classico "C'era una volta...". Allora un po' di silenzio la favola sta per cominciare...

«C'era una volta un manipolo di folli che seduti una sera intorno a un tavolo hanno pensato di poter cambiare il mondo...Si si avete letto bene volevano cambiare il mondo! E hanno deciso di farlo a modo loro, cioè attraverso l'arte. Quella sera ebbero inizio le ri(e)voluzioni. E cosa sono le ri(e)voluzioni? Ve lo facciamo spiegare da Charles Darwin, una delle Guide del manipolo di folli. «Se dovessi ricominciare a vivere la mia vita, adotterei come regola quella di leggere della poesia e di ascoltare della musica almeno una volta alla settimana, poiché, forse le parti del mio cervello ora atrofizzate sarebbero mantenute attive dall'uso.» Al pensiero di Darwin, loro aggiunsero un elemento fondamentale, l'opera d'arte e, seguendo la loro ambivalente natura di evoluzionisti e rivoluzionari, coinvolsero la poetessa Anna Mosca a scrivere versi inspirati alle opere in mostra e, viceversa, chiamarono gli artisti a liberare la propria creatività seguendo il poeta nelle sue suggestioni... tutto legato da un filo rosso... il risultato sarà...

venite a scoprirlo in Galleria Civica, perché il manipolo di folli è solo all'inizio...» Protagonisti in ordine di apparizione nella favola:

L'Associazione restArt
Il Tavolo
Le ri(e)voluzioni
Charles Darwin
L'Opera d'Arte
Anna Mosca, la poetessa
Gli Artisti
(che preferiamo veniate a intervistare durante l'inaugurazione...)
Un Filo Rosso

Ringraziamenti:
a tutti quelli che hanno creduto in un manipolo di folli, agli artisti coinvolti e uno speciale a quelli che non abbiamo potuto "contenere", all'Antica Merceria Brumana nelle persone di Simona e Massimo per la lucida follia e i fili e i fili e i fili..., a Claudia Poschner presidente dell'Associazione Internazionale Belle Arti Monza e Brianza per la pazienza sovrumana che ha dovuto avere per fare una mostra con noi.

Per qualunque informazione "canonica" potete contattare la vice presidente
Cristiana Ceruti
338 1902855
vicepresidente@assorestart.org

 

Iscriviti alla newsletter
Iscriviti gratis alla nostra newsletter per ricevere gli aggiornamenti e le novità sugli articoli e le iniziative di Vorrei

Per iscriverti devi accettare i nostri termini di utilizzo dei tuoi dati, ovvero la nostra politica riguardo la privacy. Non li cediamo a nessuno e non abusiamo mai! :)