Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Vorrei | Rivista non profit

Dal 2008 rivista non profit di cultura, ambiente e politica. Senza pubblicità.

Comunicati stampa

Attenzione. I materiali pubblicati in questa pagina non sono prodotti da Vorrei.
Vengono pubblicati su richiesta dei mittenti i quali se ne assumono ogni resposabilità.
Inviate i vostri comunicati a: info@vorrei.org

Print Friendly, PDF & Email
Gent.a/o
La Casa della cultura di Monza e Brianza ti invita alla presentazione del libro di Ferruccio Capelli "Indignarsi è giusto", Nemesis Edizioni 2012.
 
Intervengono:
Ferruccio Capelli, direttore della Casa della Cultura di Milano
Gigi Ponti, segretario Pd Monza-Brianza e sindaco di Cesano Maderno
 
Modera:
Paola Bernasconi
  
L'iniziativa si tiene mercoledi 30 maggio, con inizio alle ore 21, nella sede di Spalto Piodo 18, a Monza.
 
L'ingresso è libero.
 
In “indignarsi è giusto” si intrecciano due narrazioni: la ricostruzione delle radici e delle ragioni dell’indignazione e la proposta di una cultura politica “non liberista”. Il libro si articola in tre parti: inizia con la ricostruzione dei trent’anni della globalizzazione liberista; mette a fuoco la cesura storica rappresentata dalla grande crisi iniziata nel 2008; si conclude sottolineando l’esigenza e delineando la possibilità di un nuovo umanesimo. Nel corso del 2011 l’indignazione ha animato imponenti movimenti in Europa e nel mondo. Essa è provocata dal fatto che dopo anni di crisi vengono riproposte esattamente le stesse idee e le stesse politiche che hanno causato il deragliamento dell’economia mondiale: apologia del mercato, privatizzazioni, liberalizzazioni a oltranza. Perfino la guida dei governi viene ora affidata direttamente agli esponenti dell’establishment, in quanto “tecnici dell’economia”. Con la novità, rispetto agli anni che hanno preceduto la crisi, di un taglio radicale dei diritti sociali e della protezione dei cittadini. Il libro prospetta la possibilità di una via d’uscita. Nell’ultima parte, infatti, delinea le coordinate di una visione non liberista ed evidenzia le tracce, già esistenti, di un’altra risposta. Il libro va al cuore della riflessione e del dibattito attuali. Esso interloquisce con tutti coloro che si interrogano sullo svuotamento della nostra democrazia, sulla evanescenza e inconsistenza della politica attuale e sull’urgenza di pensare e impostare un’altra politica.
Ferruccio Capelli, direttore della Casa della Cultura di Milano e della Scuola di cultura politica, docente di Comunicazione pubblica, è autore di “Sinistra light. Populismo mediatico e silenzio delle idee” (2008) e di “La formazione (è) umanistica” (2012). Ha pubblicato numerosi saggi in volumi collettanei, collabora con la stampa e con riviste italiane e internazionali.

 

Iscriviti alla newsletter
Iscriviti gratis alla nostra newsletter per ricevere gli aggiornamenti e le novità sugli articoli e le iniziative di Vorrei

Per iscriverti devi accettare i nostri termini di utilizzo dei tuoi dati, ovvero la nostra politica riguardo la privacy. Non li cediamo a nessuno e non abusiamo mai! :)