Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Vorrei | Rivista non profit


Comunicati stampa

Attenzione. I materiali pubblicati in questa pagina non sono prodotti da Vorrei.
Vengono pubblicati su richiesta dei mittenti i quali se ne assumono ogni resposabilità.
Inviate i vostri comunicati a: info@vorrei.org

Print Friendly, PDF & Email

COMUNICATO STAMPA

Autonomi e parasubordinati: cosa cambia con la riforma Monti/Fornero?

Assemblea provinciale convocata da NIdiL CGIL Monza e Brianza

In che modo la riforma del mercato del lavoro presentata dal Governo Monti cambia il lavoro autonomo e parasubordinato? Si può davvero parlare di lotta alla precarietà? Di questo si parlerà nella prima assemblea delle lavoratrici e dei lavoratori autonomi e parasubordinati, convocata da NIdiL CGIL Monza e Brianza per venerdì 13 aprile, alle ore 18.30, presso il saloneBruno Trentin della Camera del Lavoro Territoriale di Monza e Brianza (Monza, via Premuda, 17).

L’invito è rivolto a collaboratori e progetto, co.co.co., partite IVA individuali, associati in partecipazione e collaboratori occasionali:“Sono i lavoratori di cui si occupa NIdiL –spiega Simone Cereda, responsabile territoriale della categoria della CGIL che segue il lavoro atipico-.E’ la prima volta che proponiamo loro un appuntamento di questo genere e sappiamo che non sarà facile: il lavoro atipico, precario, porta per sua stessa natura a una parcellizzazione dei lavoratori, all’isolamento. Questa assemblea vuole provare a dimostrare il contrario: anche i lavoratori atipici possono trovarsi, confrontarsi, unirsi”.

Lo spunto è la riforma del mercato del lavoro che in questi giorni sarà portata in Parlamento:“Monti e Fornero dicono che è stata fatta per tutelare maggiormente i lavoratori precari–continua Cereda-: bene, chiediamo a loro, direttamente, cosa ne pensano”.

Monza, 3 aprile 2012