Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Vorrei | Rivista non profit


Comunicati stampa

Attenzione. I materiali pubblicati in questa pagina non sono prodotti da Vorrei.
Vengono pubblicati su richiesta dei mittenti i quali se ne assumono ogni resposabilità.
Inviate i vostri comunicati a: info@vorrei.org

Print Friendly, PDF & Email

  Presentato il Piano Territoriale di Coordinamento Provinciale

“Difesa del suolo e tutela delle aree libere le priorità assolute”

 

Monza, 12 dicembre 2011. Approderà il prossimo giovedì 15 dicembre in Consiglio Provinciale la delibera di Giunta riguardante il Piano Territoriale di Coordinamento Provinciale.

Il documento, realizzato dall’Amministrazione in collaborazione con i tecnici del PIM, contiene le prescrizioni valide per i 55 Comuni MB in materia di difesa del suolo, sistema insediativo, sistema socio-economico, sistema della mobilità, paesaggio e ambiente, ambiti agricoli strategici.

Il Piano è stato illustrato alla stampa questa mattina, presso la sede della Provincia, dal Presidente Dario Allevi, insieme al Vicepresidente e Assessore alla Pianificazione Territoriale e Parchi Antonino Brambilla ed al Presidente della seconda Commissione Consiliare Provinciale Diego Terruzzi.

“La priorità assoluta di questo documento è la tutela delle poche aree ancora libere – ha esordito AlleviPer questo abbiamo realizzato il Piano in tempi record, avendo ben presente che da noi ogni giorno vengono consumati 4000 mq di suolo. Serve mettere uno STOP al più presto per poter consegnare alle nuove generazioni una Brianza ancora vivibile e verde”.

Dal PTCP risulta che in Brianza le aree urbanizzate siano il 54%, pari a 218 kmq.

La superficie non urbanizzata (pari al 46%) è messa sotto tutela per l’86% attraverso le salvaguardie previste dai parchi regionali, dai PLIS, dagli ambiti agricoli strategici (circa 100 kmq), dalla rete verde di ricomposizione e dagli ambiti di interesse provinciale.

Restano libere aree pari a 25,49 kmq, ovvero solo il 6% dell’intera superficie.

“Abbiamo lavorato gomito a gomito con i Comuni per costruire questo documento – ha aggiunto il Vicepresidente Brambillasapendo che solo così avremmo potuto pianificare un’area densa e complessa come la nostra. Oggi non c’è più tempo da perdere e lavoreremo sodo per riuscire ad adottare il Piano entro Natale e ad approvarlo in via definitiva entro il prossimo mese di maggio”.

Il documento, dopo l’illustrazione di giovedì prossimo, sarà discusso in Consiglio Provinciale nelle sedute del 20 e 21 dicembre, l’apposita Commissione Consiliare ha seguito i lavori di redazione del Piano durante 31 sedute appositamente convocate.

Nel frattempo il WWF e alcune associazioni di categoria del comparto agricolo hanno già espresso una valutazione positiva della proposta complessiva.

 

Ufficio Stampa della Provincia di Monza e Brianza