Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Vorrei | Rivista non profit

Dal 2008 rivista non profit di cultura, ambiente e politica. Senza pubblicità.

Comunicati stampa

Attenzione. I materiali pubblicati in questa pagina non sono prodotti da Vorrei.
Vengono pubblicati su richiesta dei mittenti i quali se ne assumono ogni resposabilità.
Inviate i vostri comunicati a: info@vorrei.org

Print Friendly, PDF & Email

Parte dalla Lombardia e da Monza e Brianza il vento del cambiamento nel mondo degli Ingegneri

Monza, 14 novembre 2011 - Aria nuova nel Consiglio nazionale degli Ingegneri.  E il vento del cambiamento ha cominciato a soffiare proprio dalla Lombardia. La lista Ingegneri italiani ha fatto l’en plein alle elezioni di ottobre. I suoi candidati hanno conquistato tutti i 12 posti disponibili scalzando la precedente gestione.  L’Ordine degli ingegneri di Monza e Brianza, e la CROIL (Consulta regionale Ordini ingegneri Lombardia) di cui fa parte, hanno contribuito in modo decisivo alla clamorosa affermazione: “Proprio nella Lombardia sono state messe a punto le principali proposte che poi sono state sviluppate dalla lista Ingegneri italiani da noi sostenuta”, spiega Pier Giorgio Borgonovo, Presidente dell’Ordine degli ingegneri MB.

Si tratta di un programma fortemente innovativo: “tra i punti qualificanti vi è la riduzione delle indennità di carica dei componenti il Consiglio nazionale degli ingegneri. Risorse importanti che potranno essere utilizzate al servizio degli Ordini”, ricorda Borgonovo. Le indennità saranno azzerate. E poi ridefinite sulla base delle indicazioni dell’Assemblea dei Presidenti degli ordini. Inoltre, dovranno essere commisurate alle prestazione professionali, e fissate sulla base delle funzioni e degli effettivi impegni dei consiglieri. Insomma: gli ingegneri  hanno anticipato le riforme, come appunto la riduzione del costo dei loro rappresentanti nazionali , che tutti sperano possano investire a breve  anche la politica italiana.

Tra i punti qualificanti anche “l’apertura di un dialogo serio con il governo sui problemi della professione. Non come è avvenuto finora per chiedere l’elargizione di elemosine, ma per aprire un confronto anche aspro sui temi che riguardano la tutela e la promozione  della professione ottenendo il rispetto e la considerazione che  spettano alla nostra categoria professionale”.

Il CNI – spiega ancora Borgonovo - dovrà adottare i passi necessari per ottenere la riforma della professione di ingegnere e un vero rinnovamento nel settore dell’ingegneria

 

Iscriviti alla newsletter
Iscriviti gratis alla nostra newsletter per ricevere gli aggiornamenti e le novità sugli articoli e le iniziative di Vorrei

Per iscriverti devi accettare i nostri termini di utilizzo dei tuoi dati, ovvero la nostra politica riguardo la privacy. Non li cediamo a nessuno e non abusiamo mai! :)