Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Vorrei | Rivista non profit


Comunicati stampa

Attenzione. I materiali pubblicati in questa pagina non sono prodotti da Vorrei.
Vengono pubblicati su richiesta dei mittenti i quali se ne assumono ogni resposabilità.
Inviate i vostri comunicati a: info@vorrei.org

Print Friendly, PDF & Email

Il borgomastro Maurizio Ronchi fa scrivere sui giornali: “È fatta, arriva la Decathlon”. Noi gli rispondiamo che si sbaglia. Quello che è veramente fatto, è il Parco Est delle Cave, che è ormai diventato un parco sovracomunale riconosciuto dalla Provincia di Milano. È stato voluto dai cittadini e dalle amministrazioni di cinque comuni: Brugherio, Carugate, Cologno, Cernusco e Vimodrone. È l’ultimo grande polmone verde che salvaguarda il territorio in questa zona, tenendo presente che la Lombardia è una delle zone più inquinate d’Europa. E salvaguarda quindi la salute degli abitanti, brugheresi compresi. Basta con i grandi insediamenti commerciali, basta con la cementificazione, con l’aumento del traffico e dell’inquinamento. Come fa Ronchi a parlare di “bene della città”?

Il progetto della Decathlon era già stato bocciato dalla Provincia. Chi ha interesse a tirarlo di nuovo fuori?

“Difendiamo la terra dei nostri padri”, era scritto a grandi caratteri nei manifesti elettorali della Lega. Forse volevano dire “Distruggiamo la terra dei nostri padri”. E dei nostri figli, anche.

Decathlon e Ronchi si sbagliano se credono che ora possano fare i loro interessi sulla testa dei cittadini. Noi daremo battaglia e invitiamo tutte le forze democratiche e ambientaliste di Brugherio, insieme a quelle degli altri comuni, ad esigere il rispetto degli impegni sottoscritti.

Comitato Parco delle Cave di Brugherio
Circolo di Rifondazione di Brugherio
Brugherio Futura