Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Vorrei | Rivista non profit

Dal 2008 rivista non profit di cultura, ambiente e politica. Senza pubblicità.

Comunicati stampa

Attenzione. I materiali pubblicati in questa pagina non sono prodotti da Vorrei.
Vengono pubblicati su richiesta dei mittenti i quali se ne assumono ogni resposabilità.
Inviate i vostri comunicati a: info@vorrei.org

Print Friendly, PDF & Email

UN ADATTAMENTO ITALIANO DE

IL VICARIO DI HOCHHUTH

Monza, 3 febbraio 2016. In scena al Teatro Binario 7, sabato 13 febbraio ore 21.00 e domenica 14 febbraio ore 16.00 e 21.00, Il Vicario: un invito alla riflessione sulle conseguenze del silenzio, sull’importanza di assumersi la responsabilità del proprio tempo scegliendo tra tacere e gridare. La storia, i suoi orrori, il silenzio e la responsabilità raccontati in uno spettacolo che ha preso spunto dalle scene più significative del testo di Hochhuth. Un’opera che in Italia è pressoché sconosciuta ma che in Germania ha venduto un milione di copie e che ha sollevato aspre e mai sopite polemiche che hanno costretto la Chiesa ad aprire gli archivi vaticani e a fare luce sull'atteggiamento di Pio XII nei confronti dell'eccidio ebraico.

LO SPETTACOLO

Un soldato tedesco e un prete italiano, di fronte alle atrocità del lager, scoprono tutta l'ipocrisia delle loro esistenze, la follia del mondo. Così intraprendono la missione di portare al Papa notizia dell'olocausto. Spogliandosi delle loro divise, scoprono che è possibile essere uomini soltanto accettando le proprie responsabilità. Nonostante questa dolorosa acquisizione, la Chiesa rimarrà muta davanti al sacrificio degli innocenti. Artefice di questo lavoro è un gruppo di attori che fin dagli inizi ha partecipato e contribuito in maniera determinante ai progetti e spettacoli di A. Latella, affrontando autori come Genet e Pasolini, Shakespeare e Marlowe, Goldoni e Kafka.

RASSEGNA STAMPA

«Non è in verità una messinscena vera e propria, e neppure una semplice lettura [...]. Quello che conta, in questo caso, è comunque l'impatto del testo che in un'esposizione spoglia, prosciugata sembra acquisire ulteriore forza.»

Renato Palazzi, Il Sole 24 Ore

«Rosario Tedesco ha tagliato e adattato il lungo, denso testo originale ma non ci sembra che ciò ne abbia diminuito la forza. La mise en espace, per forza di cose, vede prevalere la parola sui chiaroscuri psicologici, azzerando i personaggi al loro grado di contenitori di tesi, e le voci si fanno sempre più concitate, quasi un urlo collettivo a riparare l'umanità del silenzio del Vicario di Cristo.»

Nicola Signorile, Gazzetta del Sud

«Questo testo discusso ma molto documentato, senza paura per le sovrabbondanze [...], continua a impressionare [...] mirando a una visione storica e non romanzesca, che consideri l'insieme degli umani comportamenti.»

Franco Quadri, La Repubblica

 

TEATRO BINARIO 7

IL VICARIO

di Rolf Hochhuth

adattamento e regia Rosario Tedesco

organizzazione Cinzia Spanò

progetto e lettura Nicola Bortolotti, Matteo Caccia, Marco Foschi, Giuseppe Lanino, Enrico Roccaforte,

Cinzia Spanò, Rosario Tedesco

luci Giuliano Almerighi

in collaborazione con PianoinBilico

con il patrocinio del Goethe Institut - Mailand

Date spettacolo:

sabato 13 febbraio, ore 21.00

domenica 14 febbraio, ore 16.00 e ore 21.00

Biglietti:

intero € 18, convenzionati € 15 (Feltrinelli), € 12 (under25, over65, abbonati altre stagioni e altri convenzionati), under18 € 6

Per info e prenotazioni:

Teatro Binario 7

Via Filippo Turati, 8 | Monza

tel. 039 2027002

biglietteria@teatrobinario7.it
www.teatrobinario7.it

 

Iscriviti alla newsletter
Iscriviti gratis alla nostra newsletter per ricevere gli aggiornamenti e le novità sugli articoli e le iniziative di Vorrei

Per iscriverti devi accettare i nostri termini di utilizzo dei tuoi dati, ovvero la nostra politica riguardo la privacy. Non li cediamo a nessuno e non abusiamo mai! :)