Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Vorrei | Rivista non profit

Dal 2008 rivista non profit di cultura, ambiente e politica. Senza pubblicità.

Comunicati stampa

Attenzione. I materiali pubblicati in questa pagina non sono prodotti da Vorrei.
Vengono pubblicati su richiesta dei mittenti i quali se ne assumono ogni resposabilità.
Inviate i vostri comunicati a: info@vorrei.org

Print Friendly, PDF & Email

ARCHIWORLD,

UN VIAGGIO MUSICALE PER IL MONDO

Monza, 10 febbraio. Sabato 20 febbraio, alle ore 21.00, EquiVoci Musicali porta in scena al Teatro Binario 7 un concerto unico: un viaggio musicale che racconta i popoli e le culture di tutto il mondo, passando dal sirtaki al tango, dalla musica africana alla salsa centroamericana, dalla danza scozzese alla samba brasiliana. Un concerto eseguito dal Quartetto Archimia, all’interno della stagione Terra. Musica, voci e paesaggi sonori diretta da Rachel O’Brien, che spazierà in nuove dimensioni musicali, unendo la disciplina classica all’estro del jazz e ai colori della musica extraeuropea. Aprirà una rilettura tipicamente americana di J. S. Bach, dove i rapidi fraseggi dei soggetti diventeranno scalate virtuosistiche, caratteristiche del jazz. Seguiranno brani dal sapore più rarefatto alla Jobim ispirati alle atmosfere metropolitane e ai locali statunitensi anni ’50, per approdare al rock anni ‘70 di Robert Johnson e al celeberrimo tango di Astor Piazzolla.

La composizione, che dà il titolo al concerto, è un medley dove la musica, da elemento di distinzione delle culture e tradizioni nazionali, diviene linguaggio universale che unisce, nelle molteplici differenze, l’intera umanità. Un percorso che toccherà anche le più note manifestazioni musicali che trovano nella danza un denominatore comune e che rappresentano perfettamente l’ecumenismo della musica. Il Quartetto Archimia, composto da Serafino Tedesi e Paolo Costanzo al violino, Matteo del Soldà alla viola e Andrea Anzalone al violoncello, partendo da una eccellente formazione classica esplora nuove sonorità e possibilità acustiche e affronta diverse dimensioni strumentali per presentare un’esecuzione che copre oltre tre secoli di linguaggio musicale. I componenti del quartetto vantano diverse collaborazioni in campo classico con i maggiori enti lirici italiani. Il Quartetto Archimia si è esibito in tutta Italia e Europa, approdando infine a Washington. Solo a Milano si è esibito 18 volte sul palco del Blue Note. Numerose sono anche le sue collaborazioni live e in studio a fianco, fra gli altri, di Solomon Burke, Lucio Dalla, Andrea Bocelli, Ron, Zucchero, Leo Nucci, Nick The Nightfly, Antonello Venditti, Red Canzian, Gino Vannelli. Archimia ha inciso le colonne sonore di Giovanni Venosta dei film “Un’anima divisa in due” e “Le acrobate” di Silvio Soldini, e ha infine pubblicato due album: “Tacchino Latino” e “No limits string quartet”.

 

Iscriviti alla newsletter
Iscriviti gratis alla nostra newsletter per ricevere gli aggiornamenti e le novità sugli articoli e le iniziative di Vorrei

Per iscriverti devi accettare i nostri termini di utilizzo dei tuoi dati, ovvero la nostra politica riguardo la privacy. Non li cediamo a nessuno e non abusiamo mai! :)