Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Vorrei | Rivista non profit

Dal 2008 rivista non profit di cultura, ambiente e politica. Senza pubblicità.

Comunicati stampa

Attenzione. I materiali pubblicati in questa pagina non sono prodotti da Vorrei.
Vengono pubblicati su richiesta dei mittenti i quali se ne assumono ogni resposabilità.
Inviate i vostri comunicati a: info@vorrei.org

Print Friendly, PDF & Email

 M5S Lombardia. Monza epicentro scandalo

“Ancora una volta la Brianza al centro dello scandalo, con dirigenti dell’Azienda Ospedaliera di Desio e Vimercate pesantemente coinvolti. Inquieta il ritorno di personaggi con frequentazioni ndranghetiste che si sperava appartenessero definitivamente al passato di questa terra. La storia è sempre la stessa, tra mazzette ai politici (quelli che dovevano fare pulizia), appalti truccati, strutture private illecitamente favorite a discapito della sanità pubblica, figure vicine alla malavita organizzata. E’ un fallimento di sistema, il fallimento di Maroni che, nonostante le mille promesse, incarna il vecchio modo di fare politica. E’ ora di un taglio netto, è ora di una Lombardia a 5 Stelle!”, così Gianmarco Corbetta, consigliere regionale del M5S Lombardia sullo scandalo tangenti che ha coinvolto la Regione Lombardia. I portavoce  comunali del M5S Sara Montrasio e Francesco Sartini aggiungono: “E’ un sistema malato, dove però basta un elemento estraneo, un onesto, per portare a galla il marcio. Occorre quindi ringraziare il membro del collegio sindacale dell’Azienda Ospedaliera di Desio e Vimercate che, semplicemente tenendo la schiena dritta e facendo bene il suo lavoro, ha permesso scoprire un losco giro d’affari da 400 milioni di euro. Basterebbero più persone oneste per evitare tanti scandali, è chiedere troppo?”. Per l’onorevole Davide Tripiedi e i senatori Bruno Marton Giovanna Mangili “La vicenda di Rizzi non ci stupisce. Fa parte di un film già visto troppe volte: quello della politica che si mischia agli affari. Solo per la sanità lombarda, una torta molto ricca dove sono andati ad attingere in maniera illegale faccendieri che con la politica non hanno nulla a che vedere, tra i nomi di spicco l’anno scorso è stato arrestato Mantovani, ieri Rizzi, tutti molto vicini a Maroni. Lo stesso Maroni che, ogni qualvolta viene beccato uno dei suoi, si presenta con la pompa dei vigili del fuoco buttando acqua sull’incendio di casa sua, preferendola alle scope con cui si era presentato per promettere pulizia. Il Presidente della Regione Lombardia, farebbe bene ad usare la scopa per spazzarsi via da solo. Gli unici che rimangono lontani e combattono le commistioni tra politica ed affari, siamo da sempre noi del M5S. Per questo, da sempre, rappresentiamo l’unica soluzione reale per risollevare questa Regione e questo Paese”.

 

Iscriviti alla newsletter
Iscriviti gratis alla nostra newsletter per ricevere gli aggiornamenti e le novità sugli articoli e le iniziative di Vorrei

Per iscriverti devi accettare i nostri termini di utilizzo dei tuoi dati, ovvero la nostra politica riguardo la privacy. Non li cediamo a nessuno e non abusiamo mai! :)