Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Vorrei | Rivista non profit

Dal 2008 rivista non profit di cultura, ambiente e politica. Senza pubblicità.

Comunicati stampa

Attenzione. I materiali pubblicati in questa pagina non sono prodotti da Vorrei.
Vengono pubblicati su richiesta dei mittenti i quali se ne assumono ogni resposabilità.
Inviate i vostri comunicati a: info@vorrei.org

Print Friendly, PDF & Email

Domenica scorsa, 26 giugno, circa un centinaio di giovani di tantissime nazionalità si sono ritrovati allo stadio Sada di Monza per l'ultima giornata del Trofeo della Pace e per il triangolare Freedom Cup, tornei interetnici di calcio a 7.  Due manifestazioni in una quindi, per dare la possibilità di praticare lo sport preferito al maggior numero possibile di ragazzi, in maggioranza giovani profughi e richiedenti asilo, ospitati da varie comunità e associazioni del territorio brianzolo. Davvero numeroso il pubblico presente che ha potuto assistere, sostenendo le squadre con meritati applausi, a partite molto belle, giocate con tecnica e agonismo notevoli, sempre nel totale rispetto dell'avversario in campo, con tanti spunti e momenti che ne hanno fatto un'occasione di vera interazione, facendo parlare il linguaggio universale dello sport. 

Dalle parole di Carlo Chierico, Presidente della UPF Universal Peace Federation di Monza, che ha promosso la manifestazione: “il Trofeo della Pace è arrivato quest'anno all'undicesima edizione, ed il suo crescente successo dimostra che è possibile coniugare il gioco del calcio con valori quali l'amicizia e l'integrazione tra persone di nazionalità e culture diverse ma residenti su uno stesso territorio”. Hanno collaborato al torneo interetnico il Comitato brianzolo della UISP e il Comune di Monza, con il supporto della Società Sportiva Juvenilia Fiammamonza e con l'adesione di molti altri Comuni e della Provincia Monza Brianza.

“Vedere tante persone, di tutte le età, oggi pomeriggio sulle tribune del Sada ad incoraggiare con grande partecipazione e tifo positivo tutte le squadre, che peraltro hanno giocato un bel calcio – dice Silvano Appiani, Consigliere Delegato allo Sport del Comune, presente alla giornata conclusiva insieme alla collega Laura Morasso della Casa delle Culture – ci riempie di soddisfazione, perché va verso il rafforzamento della coesione sociale nella nostra città di Monza".

Per quanto riguarda le partite, la Freedom Cup è stata vinta con pieno merito dalla squadra All Stars Refugees, formata da profughi e richiedenti asilo ospitati allo Spallanzani di Monza, che si è imposta sia sulla Squadra dei Colori, formata da giovani italiani dei quartieri Cederna e Regina Pacis di Monza, che sull'altra formazione Spallanzani United. La UPF Sport for Peace, formata da giovani italiani di varie zone del territorio, invece ha vinto il Trofeo della Pace 2016, davanti alla CMR 50, i ragazzi di tante nazionalità guidati dall'allenatore Antonio D'Ovidio e seguiti con tanta dedizione dalle suore del Centro Mamma Rita, una vera istituzione benefica a Monza. Al terzo posto si sono classificati i giovani del Real Monza 2016, squadra mista composta da ragazzi africani e sudamericani che frequentano il CPIA, il Centro Provinciale Istruzione Adulti di Monza. A seguire in classifica la formazione del Mutar, composta da giovani profughi ospitati dall'Associazione Mutar a Brugherio e Desio, ed infine l'altra squadra del CPIA Monza.

Al termine delle partite, la cerimonia di premiazione - con coppe alle squadre, medaglie e gadget a tutti i giocatori - ha chiuso, nella gioia e commozione generale, una stupenda giornata di calcio, conoscenza reciproca, amicizia ed ideali condivisi, nel pieno spirito dei valori fondanti del Trofeo della Pace, ispirati dai fondatori della UPF International, il leader religioso Rev. Sun Myung Moon e sua moglie dott.ssa Hak Ja Han, che sta portando avanti gli obiettivi del marito, asceso al Cielo nel 2012 all'età di 92 anni, dopo aver dedicato l'intera vita per la pace nel mondo. 

Il successo di questa edizione si è completato con il grande risalto sui mass media, non solo locali: molti gli articoli usciti su quotidiani e settimanali in edicola come Avvenire, il Cittadino, il Giorno e il Giornale di Monza, ed altrettanti articoli sui giornali online come MBnews, il dialogo di Monza, il Cittadino MB, il Giornale dello sport, Brianza sport, Lombardia news, Nuova brianza, Welfare Cremona Network. 

Tra i tanti articoli online, ne segnaliamo due, che rendono molto bene l'idea della manifestazione, anche attraverso la pubblicazione di belle foto: uno su il dialogo di Monza, questo il link da cliccare:   http://www.ildialogodimonza.it/trofeo-della-pace-vince-lo-sport-unisce/ 

e l'altro su il Cittadino MB, cliccando a questo link:  http://www.ilcittadinomb.it/stories/non-profit/il-trofeo-della-pace-con-100-giovani-le-finali-e-la-festa-allo-stadio-sada_1190011_11

Un ringraziamento speciale va anche a Gianfranco Beretta e allo staff di Brianza News- Channel TV, per le riprese e il montaggio del video dedicato, visibile al link: http://www.brianzanews.it/2016/06/monza-trofeo-upf/

Per quanto riguarda il torneo interetnico di pallavolo femminile, si terrà domenica 25 settembre a Monza, con un numero maggiore di squadre rispetto agli anni scorsi. 

monza@italia.upf.org    www.trofeodellapace.org   www.italia.upf.org

 

Iscriviti alla newsletter
Iscriviti gratis alla nostra newsletter per ricevere gli aggiornamenti e le novità sugli articoli e le iniziative di Vorrei

Per iscriverti devi accettare i nostri termini di utilizzo dei tuoi dati, ovvero la nostra politica riguardo la privacy. Non li cediamo a nessuno e non abusiamo mai! :)