Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Vorrei | Rivista non profit

Dal 2008 rivista non profit di cultura, ambiente e politica. Senza pubblicità.

Comunicati stampa

Attenzione. I materiali pubblicati in questa pagina non sono prodotti da Vorrei.
Vengono pubblicati su richiesta dei mittenti i quali se ne assumono ogni resposabilità.
Inviate i vostri comunicati a: info@vorrei.org

Print Friendly, PDF & Email

CONTINUA LA LOTTA DEGLI SPAZZINI: DUE GIORNI DI SCIOPERO PER DIFENDERE POSTI DI LAVORO E QUALITA' DEI SERVIZI

Dopo quelli del 30 maggio e del 15 giugno, FP CGIL, CISL RETI E TRASPORTI, UIL TRASPORTI E FIADEL hanno proclamato altre due giornate di sciopero per conquistare il rinnovo dei CCNL del comparto dell'igiene ambientale. Le trattative, infatti, non hanno sinora portato a risultati concreti né con l'associazione che rappresenta le aziende private (FISE) né con quella delle municipalizzate (Federambiente-Utilitalia). Quella in atto è una vertenza contrattuale straordinaria: lavoratrici e lavoratori stanno lottando non per qualche euro di aumento, pure importanti, ma per difendere i propri posti di lavoro. La nostra richiesta principale, infatti, sulla quale non facciamo e non faremo passi indietro, è la non applicazione delle normative del Jobs Act all'articolo 6 del CCNL, che regola il passaggio di personale in caso di cambio di appalto. Chiediamo che, in questi casi, frequentissimi nel comparto, i lavoratori continuino ad essere assunti dalla nuova azienda con il vecchio contratto a tempo indeterminato, non con quello cosiddetto "a tutele crescenti", anticamera ai licenziamenti. Questa richiesta, in un comparto che vive sui cambi di appalto, è una questione di civiltà, di dignità del lavoro e, quindi, anche di qualità dei servizi. Insieme a ciò, chiediamo alle aziende di potere contrattare sui carichi di lavoro, sulla tutela della salute e della sicurezza. Chiediamo di mantenere i nostri diritti sindacali, perché questo comparto continui a essere regolato da rapporti democratici e trasparenti tra lavoratori e datori di lavoro.  

Lunedì 11 luglio saremo in piazza a Monza, davanti al Municipio, dalle 9 alle 12; chiederemo che una delegazione di lavoratori venga ricevuta dal sindaco Roberto Scanagatti, presidente Anci Lombardia.

Martedì 12, invece, alle 10, ci troveremo a Milano, in largo Augusto e da lì raggiungeremo in corteo Palazzo Marino, sede del Comune di Milano. Vogliamo raccontare anche a cittadini e istituzioni le ragioni della nostra protesta.

Ufficio Segreteria e Comunicazione

CGIL Monza e Brianza

Via Premuda, 17 - 20900 Monza MB

 

Iscriviti alla newsletter
Iscriviti gratis alla nostra newsletter per ricevere gli aggiornamenti e le novità sugli articoli e le iniziative di Vorrei

Per iscriverti devi accettare i nostri termini di utilizzo dei tuoi dati, ovvero la nostra politica riguardo la privacy. Non li cediamo a nessuno e non abusiamo mai! :)