Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Vorrei | Rivista non profit

Dal 2008 rivista non profit di cultura, ambiente e politica. Senza pubblicità.

Comunicati stampa

Attenzione. I materiali pubblicati in questa pagina non sono prodotti da Vorrei.
Vengono pubblicati su richiesta dei mittenti i quali se ne assumono ogni resposabilità.
Inviate i vostri comunicati a: info@vorrei.org

Print Friendly, PDF & Email

Nella giornata di ieri si è svolto l'incontro al Ministero dello Sviluppo Economico tra le Organizzazioni sindacali Fim e Fiom, le Rsu e la Direzione aziendale di Candy Hoover Group Srl. All'incontro era presente il Ceo di Candy, Dott. Beppe Fumagalli. Il Ceo ha illustrato l'andamento del gruppo nel primo semestre del 2016. In particolare ha dichiarato che l'andamento aziendale dei primi 6 mesi del 2016 è stato "il miglior semestre di sempre". Tutte le tre divisioni (lavaggio, built in e piccolo elettrodomestico) hanno un segno più a due cifre. Ciò nonostante il Ceo ha ribadito che al momento non saranno modificati i previsti volumi da farsi nello stabilimento di Brugherio. L'aumento dei pezzi venduti sarà supportato dallo stabilimento russo e cinese. Niente di positivo quindi per l'Italia e Brugherio, dove le lavoratrici e lavoratori continuano a lavorare 3 mezze giornate a settimana in regime di Contratto di solidarietà. La delegazione sindacale ha espresso la propria delusione verso le decisioni aziendali di non dirottare verso lo stabilimento di Brugherio almeno quota parte dei maggiori volumi previsti. L'azienda ha altresì ribadito la ferma intenzione di potare a termine, nel più breve tempo possibile, il piano industriale che prevede circa 20 milioni di euro da spendere in investimenti a Brugherio. Gli esuberi dichiarati comunque rimangono circa 300. La delegazione ha ribadito la necessità di accompagnare gli investimenti con un aumento dei volumi che riduca il ricorso al CdS da subito e consenta, in prospettiva, di azzerare gli esuberi. Il segretario generale della Fiom Cgil di Monza e Brianza ha dichiarato: " In un momento di espansione sul mercato di Candy è inaccettabile non intervenire da subito sull'aumento dei volumi prodotti a Brugherio". Al Ministero dello Sviluppo Economico, presente nella persona del Dott. Castano è stato chiesto da parte delle Organizzazioni sindacali di sostenere un piano industriale che consenta di rilanciare l'azienda è gestire positivamente il problema occupazionale. Lunedì si terranno le assemblee sindacali, dove si deciderà come proseguire nella vertenza.

Ufficio Segreteria e Comunicazione

CGIL Monza e Brianza

Via Premuda, 17 - 20900 Monza MB

 

Iscriviti alla newsletter
Iscriviti gratis alla nostra newsletter per ricevere gli aggiornamenti e le novità sugli articoli e le iniziative di Vorrei

Per iscriverti devi accettare i nostri termini di utilizzo dei tuoi dati, ovvero la nostra politica riguardo la privacy. Non li cediamo a nessuno e non abusiamo mai! :)